Quantcast

Alessandro Pess nel 2008 rifiutò il trono di Uomini e Donne

734816_133434663488094_1307948572_n

Alessandro Pess è il nuovo tronista di Uomini e Donne nella versione del trono classico sul sito di Maria De Filippi viene presentato così “Viene a Uomini e Donne per mettersi a nudo, per non recitare un copione, per essere se stesso e per cercare una persona con la quale poter iniziare un percorso. Non ha una donna ideale poiché in amore per lui la bellezza è importante solo all’inizio, ma poi l’unica cosa fondamentale è la sostanza e se questa viene a mancare, non porta avanti la storia.” si legge

La sua donna ideale deve avere il suo ego al femminile. Crede nel matrimonio, ma non prima di aver convissuto anche perché per lui il matrimonio è e deve essere per tutta la vita.”

Peccato che in passato Alessandro, oggi un attore quasi affermato aveva rifiutato il trono “Sono nato e cresciuto in Calabria, ma vivo a Roma da dieci anni per inseguire un sogno, che oggi è diventato realtà.” raccontava in un’intervista a Visto Con fatica: ho rinunciato alla notorietà immediata rifiutando Uomini e Donne, tanto per fare un esempio, e anche un altro reality show. (…) Ho sempre avuto relazioni con donne più grandi di me, ma non ho uno stereotipo. Mi piacciono le persone che vivono con leggerezza.”

In un’altra intervista il sito FanPage aveva invece rivelato tipo Uomini e Donne. Mi era stato offerto di parteciparvi ma non ho voluto. Quello che mi dispiace di più, è che molto spesso, chi esce da questo tipo di contesti, non ha l’umiltà per confrontarsi e fare gavetta. Non mi riferisco direttamente ai reality perché, bene o male, molti dei protagonisti dei reality show hanno alle spalle diverse esperienze nel mondo dello spettacolo.”

“Sono soprattutto quelli che partecipano a programmi come Uomini e Donne o simili, che appena finiscono il ciclo di troni vogliono fare gli attori. Li incontri ai provini e ti chiedi perché. Il fatto è che bisogna distinguere tra chi fa tv solo per farsi vedere, per diventare “protagonista” del piccolo schermo da chi, per fare questo lavoro, ha studiato davvero. Non ci s’improvvisa attore, ballerino o cantante. Per quello, bisogna studiare. Tutto il resto rientra nella sfera della visibilità che, prima o poi, svanisce. Il problema, però, sta a monte. Lo riscontri nel fatto che, quando chiedi a un giovane cosa vuole fare da grande, ti risponde: “il tronista”. Ma stiamo scherzando?”

Di Valentina Vanzini