Quantcast

Alessia Nobile, la transessuale pugliese in trasferta a Sanremo

Alessia Nobile è una giovane escort transessuale pugliese che in questi giorni si è trasferita a Sanremo, perché come ha rivelato al programma radiofonico La Zanzara c’è molta gente facoltosa. Ai microfoni di Radio 24, Alessia ha rivelato che questo è un periodo d’oro per il suo lavoro. Il Festival di Sanremo è una ghiotta occasione per incassare una marea di soldi!

Alessia Nobile – Foto: Facebook

La giovane e sensuale escort barese ha confidato a Giuseppe Cruciani e David Parenzo: “Sanremo? Un gran momento per il mio lavoro. Ho portato due valigie, una per me l’altra per i soldi…nel portafogli non ci starebbero. Io canto a un altro tipo di microfono. Permettetemi la battuta – ha continuato Alessia -, ci sta. Qui c’è molta gente facoltosa e generosa. In una settimana c’è il mondo, ne approfitto. E il bello di Sanremo è che non devi chiedere il supplemento. Lo danno direttamente. In mezz’ora lasciano anche duecento, trecento euro. Chiedo la parcella base, cento euro. Ma danno di più. Sono arrivata ieri, e ho già fatto tre clienti. Uno preso per strada, gli altri due con un annuncio”.

Ma quali sono le fantasie erotiche più richieste e originali dei suoi clienti? Quali sono le richieste più incredibili e particolari dei suoi clienti?

“Giovedì ho un biglietto per l’Ariston – ha rivelato Alessia Nobile -, me l’ha regalato una persona con cui sono stata l’anno scorso. Qui si recluta ovunque. Sono al centro, esco e mi chiedono continuamente il numero. E’ una cosa che stanca, anche. Ma è meglio di fare, chessò, la barista”. Cosa chiedono i clienti?: “Io ho molti schiavetti, molti vogliono essere dominati e schiavizzati. Io mi blocco, ma la gente vuole sempre di più: frusta, mollette, capezzoli, catene al collo. Poco fa mi è arrivata una telefonata di uno che vuole essere preso travestito da donna. Sono una missionaria, faccio del bene”.