Quantcast

Alessio Lo Passo di Uomini e Donne: “Sono finito in carcere ingiustamente”

Alessio Lo Passo di Uomini e Donne è tornato libero dopo aver trascorso diversi mesi in carcere in seguito a una condanna in via definitiva a 3 anni per un’estorsione nei confronti di un chirurgo estetico risalente al 2014. L’ex tronista ed ex corteggiatore del famoso e popolare programma tv di Canale 5, ideato e condotto dalla regina di Mediaset Maria De Filippi, si è sfogato al settimanale Oggi.

Alessio Lo Passo – Foto: Facebook

L’ex tronista di Uomini e Donne Alessio Lo Passo ha raccontato al settimanale: «Sono finito dentro perché non mi sono presentato il giorno del processo. Non sapevo nulla! Né che mi avessero denunciato, né che ci fosse un processo a mio carico. Non ho ricevuto nessuna notifica né al mio domicilio né alla residenza dei miei. E nessun avviso dall’avvocato d’ufficio assegnato».

L’imprenditore e modello di origine calabrese è stato praticamente condannato in contumacia. L’ex corteggiatore e personaggio tv è un fiume in piena con il settimanale Oggi: «È falso che avrei chiuso il medico nello studio e l’avrei minacciato. Volevo riavere i nostri soldi più un risarcimento per affrontare gli interventi riparatori dei danni che aveva causato a me e alla mia ragazza. E quelli legati alla mia immagine».

Lo Passo non si è espresso su un’altra notizia shock diffusa a luglio dal quotidiano Il Secolo XIX. Il giudice per le indagini preliminari Marta Perazzo ha emesso un decreto penale che condanna l’ex tronista di Uomini e Donne Alessio Lo Passo a pagare 3.750 euro di multa per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale. I fatti risalgono al 25 ottobre 2016. Il personaggio tv e imprenditore avrebbe insultato e offeso due agenti donna della polizia municipale che gli avevano appena comminato una multa per divieto di sosta. L’avvocato dell’imprenditore e personaggio tv ha respinto con fermezza le accuse sostentendo che quanto dichiarato dalle due vigilesse non corrisponde a realtà.

Finora Alessio non si è espresso su quest’altra scottante questione…