Quantcast

Asia Argento si confessa a Vieni da me: “Nessun altro dopo Fabrizio Corona”

Asia Argento si è confessata a Vieni da me di Caterina Balivo. L’attrice, regista e conduttrice tv ha rivelato che dopo l’ex re dei paparazzi italiani Fabrizio Corona non ha avuto nessun altro.

La figlia d’arte del celebre regista di film horror Dario Argento ha parlato anche della sua vita privata: dalla storia tormentata con Morgan a quella con Anthony Bourdain, morto suicida.

Il suicidio di Bourdain è stato un duro colpo per lei: “Che cosa assurda. Ha deciso di interrompere la sua vita. Io ci avevo parlato la sera prima, lui non aveva mai dato segni di depressione. Anzi, ero io che avevo appena passato un periodo terribile dopo Weinstein. Mi chiamavano prostituta. Lui mi è stato molto vicino. Mi è mancata proprio la terra sotto i piedi e non capirò mai. Non lo saprò mai che cosa è successo e cosa portava nel cuore di così atroce. Mi manca”.

La dj e attrice Asia Argento ha parlato anche del flirt lampo con Fabrizio Corona: “Dopo un uomo come lui, a parte un piccolo flirt, non ho più avuto nessuno. Sono stata tratta in inganno da quel mattacchione, ma è durato due-tre giorni. Lui è un bravissimo affabulatore. Non era la persona adatta a me e io non ero adatta a lui. Il mio cuore è pieno, perché ho i miei figli“.

L’ex compagna del musicista Morgan ha ricordato anche la sua infanzia: “La lettura è la mia infanzia. Era la mia compagna, i libri erano i miei migliori amici, riempivano le mie giornate. Mi hanno formato. Ho letto Moby Dick a 5 anni, era un modo per attirare l’attenzione dei miei genitori. Mia madre lavorava a teatro, spesso non c’era. Io ero una bambina difficile perché volevo molte attenzioni. Era difficile gestirmi”.

Asia ha parlato anche del suo infortunio a Pechino Express 2020: “Se non mi fossi fatta male sarei arrivata fino alla fine. Non so se avrei vinto, ma sicuramente sarei arrivata fino alla fine. Era quella la mia intenzione. Mi sono allenata per cinque mesi. Da quando mi hanno chiesto di fare la trasmissione io, che già mi allenavo, ho iniziato ad allenarmi ancora di più. E poi, però, sono stata 50 giorni a letto per l’infortunio”.