Cecenia, Parlamento Ue approva risoluzione contro persecuzioni gay

Cecenia, qualcosa inizia a muoversi a livello europeo dopo le coraggiose inchieste di Novaya Gazeta sui 6 campi di concentramento per gay. Il Parlamento dell’Unione europea ha finalmente approvato una risoluzione contro le barbare e disumane persecuzioni e torture inflitte agli omosessuali.

Uomo gay torturato e seviziato nei campi di concentramento in Cecenia – Foto: Novaya Gazeta

LA RISOLUZIONE DELL’UE CONTRO LE PERSECUZIONI GAY

Il Parlamento Europeo ha rivolto un appello alle autorità della Cecenia affinché cessi la campagna persecutoria contro gli omosessuali. Ha inoltre chiesto la liberazione immediata di tutte le persone detenute illegalmente in questo quadro.

Gli eurodeputati hanno inoltre chiesto alle autorità russe di “garantire la protezione giuridica e fisica delle vittime, oltre che dei difensori dei diritti umani e dei giornalisti che hanno lavorato su questa vicenda”.

I COLPEVOLI DAVANTI ALLA GIUSTIZIA

“La Russia e il suo Governo – si legge nella risoluzione – hanno la responsabilità maggiore nel dover investigare questi fatti, portando i colpevoli davanti alla giustizia“.

I parlamentari europei hanno chiesto la realizzazione di un’inchiesta rapida, indipendente, oggettiva ed esauriente. Un’inchiesta che preveda il coinvolgimento di altri attori sul piano internazionale: la Commissione Europea, gli Stati membri e il Consiglio d’Europa.

Malin Bjork (Gue) ha dichiarato: “Dobbiamo agire tutti quanti: l’Unione Europea, gli Stati membri ed esperti indipendenti, per capire cosa sia accaduto e portare i colpevoli di fronte alla giustizia”. Cornelia Ernst (Gue) ha aggiunto: “Anche chi guarda e non fa niente è un criminale”.

Redazione-iGossip