Emilio Fede stronca Mario Giordano: “Urla, grida, sembra Barbara D’Urso, ma non lo è”

Emilio Fede ha stroncato senza mezzi termini il giornalista e conduttore di Fuori dal coro Mario Giordano perché urla, grida, si mette in primo piano come se fosse Barbara D’Urso, ma non lo è. L’ex direttore storico del TG4 si è tolto qualche sassolino dalla scarpa durante un’intervista rilasciata di recente al settimanale di cronaca rosa Chi.

Fede ha presentato il suo nuovo libro, “Che figura di merda“, che prende il nome dal suo celebre fuorionda trasmesso a Striscia la Notizia. “Il mio non è un libro di vendette – ha spiegato il giornalista -, c’è anche un sottotitolo che è Saper perdonare. È un modo per far capire a quelli che me l’hanno fatta grossa che non porto rancore perché so che, alla fine, i conti tornano sempre“.

Emilio Fede ha spiegato: “Mi piaceva Mario Giordano quando faceva le inchieste, mentre adesso lo vedo che grida, urla, si mette in primo piano e guarda la telecamera come fosse la D’Urso senza essere la D’Urso. L’informazione non dev’essere urlata: quando ero direttore imposi ai miei inviati di portare sempre dietro un cestino. ‘E a cosa serve?’, mi chiesero, e io risposi: ‘È per metterci gli aggettivi. Le lacrime non sono amare perché non si vede, sono lacrime e basta!‘”.

Poi ha difeso a spada tratta il suo grande amico Vittorio Feltri dopo le sue vergognose e razziste frasi contro i meridionali: “Conosco Vittorio da tantissimi anni e non ho mai avuto la sensazione che fosse antimeridionalista, ha sempre trattato tutti allo stesso modo. La verità è che Feltri è un anticonformista per natura, di umore variabile, contrario alla ripetitività, alle frasi fatte, e ama stare fuori dal coro. È un po’ come Sgarbi ma in altre forme”.

Redazione-iGossip