Filippo Facci e Alessandro Sallusti denunciati per le affermazioni fatte su Diego Armando Maradona

Filippo Facci e Alessandro Sallusti saranno denunciati per le affermazioni fatte sul compianto divo del calcio internazionale Diego Armando Maradona. La famiglia dell’ex campione del Napoli e della Nazionale argentina di calcio hanno annunciato di adire le vie legali contro i tre giornalisti e opinionisti tv.

Facci ha dichiarato a Tiki Taka, il programma calcistico condotto da Piero Chiambretti: “Io mi andavo a rivedere su Youtube le giocate di Maradona, splendido, meraviglioso… Tuttavia aveva come persona delle caratteristiche da mediocre imbecille. Aveva soprattutto da parte dei napoletani, un processo di identificazione che creava quel fanatismo, la deificazione che è quello che ti allontana, che ti fa venir la nausea e ti fa dire ‘si va be’, io di Maradona ricomincio a parlare tra uno o due anni’… Abbiamo detto che Maradona è stato uno dei maggiori giocatori della storia, ha smesso di giocare ed è diventato un esempio cattivo – ha continuato -, un drogato, un ciccione, uno morto prima del tempo e voi vi offendete, perché non era un grandissimo giocatore, era Dio”.

Sallusti ha invece definito Maradona così: “Chi era Maradona? Un imbroglione, drogato, alcolista, sessista violento con le donne, evasore fiscale e pure comunista, cioè il peggio del peggio del peggio“.

“Basta infangare la memoria di Diego“, ha commentato il fratello del campione argentino insieme alla moglie Paola.

“Offese fatte a chi non può nemmeno difendersi, – ha detto l’avvocato Angelo Pisani – e come tali, immorali”. L’avvocato ha continuato parlando con l’Adnkronos di bullismo ai danni di Diego ed estendendo le sue parole anche ai social.