Graziano Pellè chiede scusa all’Italia e ringrazia Marco Parolo

Graziano Pellè ha chiesto pubblicamente scusa all’Italia per l’inqualificabile gesto rivolto al portierone della Germania Manuel Neuer durante i rigori.  Uno degli eroi italiani di Euro 2016, Graziano Pellè, ha fatto mea culpa per il suo atteggiamento spavaldo e il suo comportamento da sbruffone: “Il gesto dello scavetto? Non volevo offendere nessuno – ha detto il calciatore salentino durante il viaggio verso Londra – Neuer anzi alla fine mi ha detto che sono un grande giocatore: lui, Muller e gli altri mi hanno fatto i complimenti. Non volevo fare lo sbruffone, volevo solo tenerlo fermo. Neuer non se n’è neppure accorto per l’adrenalina che avevamo, ci guardavamo negli occhi. Mi dispiace per quelli che mi vogliono bene e per tutti gli italiani, chiedo scusa”.

Graziano Pellè con Marco Parolo - Foto: Facebook
Graziano Pellè con Marco Parolo – Foto: Facebook

“In allenamento io e Zaza segnavamo sempre – ha proseguito il 30enne attaccante del Southampton e della Nazionale italiana -, visto che lui stava fermo ho allargato troppo. De Rossi? Non sarebbe stato giusto se fosse entrato e avesse sbagliato, come Zaza. Era reduce da infortunio. Conte ha fatto la lista poi ognuno diceva se se la sentiva, l’ordine lo sceglievamo noi, ma fra i rigoristi bisogna ricordare che mancavano Daniele, Candreva e Florenzi. In carriera ho segnato altre volte con lo scavetto. Il giorno dopo è più triste ancora. Se avessi segnato mi avrebbero detto che ero un fenomeno – ha sottolineato Graziano Pellè – e invece è andata male… Il mio un buon Europeo? Ora non ci penso. Sono arrivato che non ero nessuno e me ne vado come ero arrivato”.

Sul suo profilo Instagram ha poi fatto un bilancio del suo Europeo 2016. “Avevo un sogno da bambino ed era quello di indossare la maglia azzurra numero 9 – ha scritto il centravanti azzurro – Grazie di cuore a tutto lo staff ed i compagni di squadra per avermi dato la possibilità di realizzarlo. Ma dopo una nottata triste come ieri, mi sento di dare un ringraziamento speciale a tutti coloro che mi incoraggiano, scrivendomi in posta privata e non, nonostante siano sicuri di non ricevere una risposta da parte mia. Io li leggo con piacere i vostri messaggi, siete in tantissimi ed anche se non vi conosco – ha aggiunto l’attaccante leccese -, mi sento di dire che vi voglio bene… Questo spirito di FRATELLANZA è un valore percepito in questo percorso Europeo e spero che tutti VOI, come state dimostrando a me, lo riportiate nella vita privata… Perché siamo italiani e possiamo essere un popolo stupendo, con tutti i pregi e qualche piccolo difetto”.

Il campione della Nazionale italiana ha inoltre pubblicato un selfie con il suo compagno di squadra Marco Parolo in piscina e ha scritto: “Il mio GRANDE compagno di stanza 109… Mi Mancherai!!! A presto”.

Accettiamo le pubbliche scuse di Graziano Pellè anche perché tutti nella vita pubblica e privata sbagliamo almeno una volta, ma è importante riconoscere i nostri errori per non commetterli, si spera, mai più. Il popolo italiano ha già perdonato il suo bomber!

Redazione-iGossip