Istat, dati preoccupanti sui giovani: 2 milioni in sofferenza

Istat ha diffuso dati preoccupanti sui giovani. Ben 2 milioni tra i 18 e i 34 anni sono in condizioni di sofferenza, ovvero a cui mancano due o più dimensioni del benessere: dalla salute al lavoro, dalla sfera sociale a quella territoriale, passando per l’istruzione.

Giovani – Foto: Pixabay.com

Lo rivela il rapporto Istat sul Benessere equo e sostenibile (Bes). Quella che l’Istituto chiama la “multi-deprivazione” è più alta, si sottolinea, “tra i giovani adulti di 25-34 anni e nel Mezzogiorno”.

Dati positivi per quanto riguarda la longevità degli italiani.

“Nell’ultimo anno gli indicatori segnalano un miglioramento del benessere. Oltre il 50% del totale dei circa 110 indicatori per cui è possibile il confronto”, si spiega nel rapporto, “registra un miglioramento”. A livello territoriale, i valori più elevati si rilevano al Nord quelli più bassi al Centro. Analizzando le diverse sfere alla base del Bes, si confermano difficoltà su lavoro, conciliazione dei tempi di vita e soddisfazione economica.

“Nel 2018, la speranza di vita alla nascita raggiunge il massimo storico, 82,3 anni (80,9 anni per gli uomini e 85,2 anni per le donne)”. Così l’Istat nel Rapporto Bes, dove però sottolinea come la maggiore longevità femminile si accompagni “a condizioni di salute più precarie”.

Redazione-iGossip