‘Marcia delle donne’ contro Trump: Madonna fa infuriare la Casa Bianca

“La cerimonia di oggi ha un significato speciale, non stiamo solo trasferendo il potere da un partito a un altro, ma lo stiamo passando da Washington D.C. e lo stiamo dando a voi, il popolo. Da oggi cambia tutto, da qui cambia tutto, perché questo momento è il vostro momento“. Tuonavano così le parole di Donald Trump alla cerimonia di insediamento alla Casa Bianca.

Women’s march on Washington, Madonna contro Trump- fonte speakingnews.net

Sabato 21 gennaio 2017, il neo presidente eletto Donald Trump si è insediato formalmente alla Casa Bianca. E proprio mentre Trump parlava alla Nazione con un discorso nazionalista che spaventa le minoranze etniche e religiose, le donne e le persone con disabilità, decine di migliaia di persone sono scese in piazza a Washington e hanno marciato contro il nuovo presidente.

La ‘Marcia delle donne a Washington’ è stata una delle più grandi manifestazioni di protesta per l’insediamento di un presidente americano, anche più delle 60mila persone che protestarono contro Nixon e la guerra in Vietnam. Il simbolo della protesta è stato il ‘pussyhat’, il cappello di lana rosa con le orecchie da gatto, emblema della protesta contro il sessismo che oscura la reputazione del nuovo presidente USA.

La manifestazione ha attirato diversi personaggi di spicco che si sono radunati per protestare e dirottare l’attenzione su questioni importanti come la discriminazione, la violenza, la diversità di genere e l’aborto. Tra i presenti, il sindaco della capitale statunitense Muriel Bowser, Joseph Gordon-LevittJamie Lee Curtis, Michael MooreAmerica Ferrera, Emma Watson, Cher, Alicia Keys e Scarlett Johansson.

A provocare le polemiche ci ha pensato Madonna. La cantante ha improvvisato un vero e proprio show: prima ha cantato e ballato ‘Express yourself’ e poi ha dato il suo contributo: ‘La rivoluzione parte da qui, sono arrabbiata e scandalizzata. Ma non abbiamo paura’. Durante l’intervento in diretta tv però si è lasciata, volutamente, scappare anche un “fuck you” e i collegamenti sono stati subito interrotti, tra l’imbarazzo generale. La Cnn  si è scusata con il pubblico per il linguaggio volgare della popstar: “Da questo ci asteniamo. Questa è Madonna, non sapevamo quello che stava per dire” ha detto la conduttrice.

Stando alle ultime indiscrezioni, pare che la CIA voglia aprire un’indagine sulla cantante e che la Casa Bianca non abbia gradito né il suo discorso né i suoi toni. Lady Ciccone ha subito chiarito che le sue frasi concitate erano contro la violenza e andavano lette in chiave metaforica: “Io non sono una persona violenta, non promuovo la violenza ed è importante ascoltare e capire il mio discorso nella sua interezza piuttosto che leggere solo una frase estrapolata selvaggiamente dal contesto. Ovviamente la mia era una metafora!”