Lecce, Noemi Durini uccisa dal fidanzato 17enne: indagato anche il padre del ragazzo

Lecce, la 16enne Noemi Durini scomparsa domenica 3 settembre è stata uccisa dal fidanzato di 17 anni L.M. che ha confessato l’efferato e abominevole omicidio. Anche il padre 41enne dell’adolescente è indagato, in concorso con il figlio, per l’omicidio volontario della 16enne di Specchia. 10 giorni dopo la denuncia di scomparsa della ragazza, è arrivata la svolta nelle indagini. Sotto pressione dagli inquirenti, L.M. ha confessato di averla ammazzata e di aver poi nascosto il cadavere della sua fidanzatina in una campagna a Castignano di Leuca, vicino a Capo di Leuca, parzialmente sepolto da alcuni massi.

Noemi Durini – Foto: Facebook

Un malore avrebbe colpito i genitori di Noemi. Fin dall’inizio, il racconto del 17enne non convinceva affatto gli inquirenti in quanto presentava tanti lati oscuri.

Inoltre negli ultimi giorni un filmato era finito sotto la lente di ingradimento dei carabinieri poiché ritraeva il ragazzo 17enne mentre rompeva a colpi di sedia i vetri di un’autovettura parcheggiata nei pressi di un bar ad Alessano, città in cui il giovane vive. L’auto, una vecchia Nissan Micra, sarebbe di una persona con la quale il giovane avrebbe avuto un acceso litigio proprio sulla sorte della fidanzatina. Alcuni giorni prima, il 17enne e suo padre avevano avuto un diverbio con il papà di Noemi che si era recato nella vicina Alessano per chiedere notizie della sedicenne scomparsa.

L’intera comunità di Lecce è sotto shock e invoca giustizia. L’opinione pubblica nazionale è indignata e sconvolta per questo terribile e vergognoso omicidio.