Luigi Berlusconi vuole comprare l’app gay Grindr

Luigi Berlusconi vuole comprare l’applicazione gay più famosa e conosciuta al mondo, Grindr, tramite la società Bending Spoons. La startup fondata nel 2013 da Luca Querella, Francesco Patarnello, Luca Ferrari e Matteo Danieli, Bending Spoons comprende dall’estate scorsa in qualità di soci di minoranza anche la banca d’affari Tip, riconducibile a Giovanni Tamburi, il fondo Nuo Capital e soprattutto la Holding14 di Fininvest, facente capo a Luigi Berlusconi e alle sorelle Barbara ed Eleonora, figli di Silvio e di Veronica Lario.

Il social network gay è molto amato anche da politici e personaggi famosi del jet set italiano e internazionale.

Come ben sapete la nota dating app californiana è diventata cinese oltre due anni fa poiché è stata comprata da Beijing Kunlun per un totale di 245 milioni di dollari. Ora secondo quanto ha rivelato il quotidiano Il Corriere della Sera l’app gay per eccellenza con oltre 4 milioni di utenti attivi potrebbe diventare italiana in quanto la scorsa settimana Bending Spoons e un pool di banche italiane (tra cui Intesa Sanpaolo, Banco Bpm e Banca Ifis) hanno avanzato una proposta di offerta di 260 milioni di dollari!

Redazione-iGossip