Mafia a Torino: arrestato il nipote del boss Lo Presti

Mafia a Torino: i carabinieri del nucleo investigativo hanno arrestato a Bardonecchia, Comune sciolto per mafia negli anni ‘90, Giuseppe Ursino, 50 anni, nipote del boss Rocco Lo Presti (elemento di spicco della criminalità organizzata in Piemonte e in alta Val Susa, morto alcuni anni fa). In manette è finito anche Ercole Taverniti, residente a Torino e originario di Gioiosa Jonica. I due sono accusati di associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsione con l’aggravante del metodo mafioso e trasferimento fraudolento di valori.

Arrestato un carabiniere a Ravenna

Il giudice ha disposto anche il sequestro di tre attività commerciali bar- ristorazione di Torino e provincia: la pizzeria “Tre Torri” in via Medail a Bardonecchia, il ristorante “Lettera 22” ad Alpignano e il bar “Mambo Cafè” nel centro di Torino.

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, sono il seguito dell’operazione Bing Bang, condotta nel gennaio 2016 dalle forze dell’ordine, nella quale è emerso il ruolo di Giuseppe Ursino come elemento di spicco della ‘ndrangheta in Piemonte, attraverso il gruppo locale di San Mauro Torinese, guidata dalla famiglia Crea.

Redazione-iGossip