Marilyn Monroe abortì un figlio di John Kennedy prima di morire?

Marilyn Monroe abortì un figlio di John Kennedy prima di morire? L’indiscrezione shock sulla celebre e ineguagliabile diva di Hollywood è stata diffusa da Fred Laurence Guiles nel suo libro “Norma Jean – The life of Marilyn Monroe”.

Marilyn Monroe – Foto: Wikipedia.org

Lo scrittore ha aggiunto altri dettagli allo scoop che era stato lanciato nel 1990 dal giornalista Selwyn Ford che scrisse in “The casting couch” che l’attrice era stata rapita e costretta ad abortire un figlio di Bob il primo giugno 1962 in Messico. Ma ora secondo Fred Laurence Guiles, l’aborto della diva delle dive di Hollywood sarebbe avvenuto il 20 luglio al Cedars of Lebanon Hospital, sotto falso nome.

“Il 30 luglio Marilyn chiama Bob Kennedy – ha scritto Fred nel suo libro -. Non sappiamo cosa gli dice, ma sappiamo che è piombata in una profonda depressione e che vede lo psichiatra Ralph Greenson quotidianamente”. Secondo Guiles, Marilyn sperava che Bob lasciasse la moglie Ethel, ma lui non voleva saperne. Il 3 agosto, il giorno prima di morire, Marilyn si sarebbe trovata al ristorante La Scala di Beverly Hills con l’agente Pat Newcomb, l’attore Peter Lawford e proprio Bob Kennedy ed era in grande stato di agitazione “evidentemente perché sentiva che Bobby le stava dando il benservito. Aveva sempre avuto una visione irrealistica della situazione, che Bobby fosse in qualche modo alla sua portata. E ora il clan Kennedy la stava rimettendo al suo posto”.

L’ex marito di Marilyn, il campione di baseball Joe Di Maggio, fu il primo a pensare ad una cospirazione dei Kennedy per la morte dell’ex moglie, e li chiamava “killer” nella sua biografia. Pensava che una Marilyn viva avrebbe costituito un segreto e un fardello pesante per la carriera di entrambi.

Redazione-iGossip