Golden Globe, Meryl Streep punta il dito contro il presidente Donald Trump

Il discorso di ringraziamento per il Golden Globe vinto per l’interpretazione di Florence Foster Jenkins, la miliardaria stonata che voleva cantare l’Opera, sta facendo discutere. Meryl Streep pronuncia un discorso bello ed elegante, nel senso che non è un attacco diretto al presidente eletto Donald Trump ma alla sua retorica anti stranieri e anti media.

Maryl Streep attacca Donal Trump ai Golden Globe- fonte bergamonews.it

L’attrice ricorda quanto lo sfavillante mondo di Hollywood sia pieno di stelle straniere. A loro però non viene richiesto il certificato di nascita, quasi fossero persone privilegiate. Hollywood è dunque invasa da stranieri e da gente che viene da fuori. E venissero cacciati tutti a calci non rimarrebbe nulla da guardare se non il football e le arti marziali.

Meryl Streep ha ironizzato sulle prove di attori potenti come Donald Trump. La corsa alla casa bianca del candidato repubblicano è stata densa di affermazioni e interpretazioni dirette ad aumentare l’audience dei suoi potenziali elettori. L’attrice ha sottolineato uno di questi “sketch” ovvero il momento in cui la persona che chiedeva di sedersi sulla poltrona più rispettata nel Paese ha imitato un giornalista disabile che superava per privilegi e potere.

La vincitrice del Golden Globe ammette che l’istinto di umiliare gli altri, quando è usato da qualcuno potente che ha una grande visibilità si trasmette nella vita di tutti, perché dà un po’ il permesso agli altri di fare la stesse cose. Il ruolo della stampa è quello di esercitare il controllo sui potenti e far rispondere loro per ogni gesto oltraggioso, non di andare avanti al loro fianco.

Trump ha liquidato le critiche con poche battute: “È una Hillary-lover”, ha risposto il presidente eletto in una intervista telefonica con il New York Times, spiegando di non aver visto il discorso dell’attrice, né la trasmissione trasmessa dalla Nbc, ma ha aggiunto di non essere rimasto sorpreso “Si tratta di un ambiente di gente di sinistra che sosteneva Hillary Clinton. E io non ho mai preso in giro il giornalista, non sono nella mia testa e quindi non possono sapere cosa pensassi”. I tweet sono più espliciti: “Meryl Streep è una delle attrici più sopravvalutate di Hollywood e una valletta di Hillary, non mi conosce ma mi attacca”.

Myriam