Testimoni di Geova vietati in Russia: il regime di Vladimir Putin confisca i beni a favore dello Stato

Testimoni di Geova vietati in Russia! La Corte Suprema di Mosca ha accolto la richiesta del Ministero della Giustizia, definendo la loro organizzazione religiosa estremista e ne ha sequestrato i beni a favore dello Stato. Lo riporta l’agenzia Tass. Per la Federazione Russa di Vladimir Putin i Testimoni di Geova sono come i terroristi dell’Isis poiché siccome non votano, non partecipano alla vita politica, non prendono parte alle cerimonie patriottiche e obiettano al servizio militare rappresentano un pericolo per la sicurezza nazionale. La vergognosa e aberrante sentenza della Corte Suprema di Mosca ha scioccato i Testimoni di Geova di tutto il mondo e una buona parte dell’opinione pubblica internazionale poiché rappresenta un attentato alle libertà personali, civili e religiose.

Vladimir Putin – Foto: Wikipedia.org

La Corte Suprema di Mosca ha vietato ogni attività dell’organizzazione religiosa sul territorio russo e ha ordinato la confisca di tutti i beni del quartier generale di San Pietroburgo e delle 395 sezioni locali dell’organizzazione a favore dello Stato.

Il portavoce russo dei Testimoni di Geova Iaroslav Sivoulski ha dichiarato di essere profondamente scioccato e ha annunciato che sarà presentato un ricorso per impugnare la sentenza presso la Corte europea dei diritti umani. Svetlana Borisova, avvocato del ministero, ha dichiarato che questa organizzazione religiosa rappresenta una minaccia per i diritti dei cittadini, per l’ordine pubblico e la pubblica sicurezza.

In tutta la Russia i Testimoni di Geova sono 175mila e sono registrati come gruppo religioso dal 1991. Molti di loro accusano le autorità russe di perseguirli per il loro rifiuto della violenza e di fare il servizio militare.

Già alcuni giorni fa la Corte Suprema di Mosca aveva respinto la richiesta dei seguaci dell’organizzazione di essere considerati come vittime di repressione politica.

Con questa sentenza terrificante e shock verranno umiliati, calpestati e violati i diritti umani fondamentali degli appartenenti a questa minoranza religiosa. L’Ufficio informazione pubblica della filiale italiana dell’organizzazione ha infatti dichiarato in una nota: “La situazione in Russia chiama in causa non semplicemente una confessione religiosa, ma diritti umani fondamentali. Una legge inizialmente rivolta a combattere il terrorismo si è trasformata in poco tempo in uno strumento assai efficace per combattere – e se possibile annichilire – tutto quello che non è ortodosso nella Federazione Russa. Ora i singoli Testimoni di Geova potrebbero essere perseguiti penalmente per il loro impegno nelle loro normali attività religiose, tacciati come estremisti e quindi considerati (e trattati) come fossimo terroristi”.

Dopo i campi di concentramento per gay in Cecenia, il regime dittatoriale di Vladimir Putin ha preso di mira i Testimoni di Geova… Una politica davvero abominevole e tiranna che rievoca i tempi del regime comunista sovietico e di quello nazista della prima metà del ‘900.

La comunità internazionale continua inspiegabilmente a tacere… In questi ultimi anni nei Paesi cosiddetti sviluppati sta soffiando davvero molto forte il vento dell’odio, dell’intolleranza, del razzismo e dell’omofobia!

La vita è sacra e guai a chi la tocca! Il gossip è un elisir di lunga vita... Perché? Ti fa sorridere, ti incuriosisce e ti allunga la vita!

Lascia un commento

Termini di ricerca:

  • putin geova
  • trump e testimoni di geova in russia
  • russia t Geova confisca case
  • testimoni di geova putin
  • mosca e testimoni di geova
  • testimoni geova putin
  • testimoni di geova in russia video
  • Testimoni di Geova della Russia
  • putin jeova
  • xche putin ha eliminato i testimoni di geova