Valle del Savio, ennesimo caso di violenza contro una professoressa presa a pugni da un allievo

Valle del Savio: ennesimo caso di violenza contro una professoressa presa a pugni da un allievo di una scuola media, che stava cercando di calmarlo. Gli insegnanti sono sotto assedio e la situazione sta degenerando sempre di più… Aggressioni fisiche e verbali, molestie e insulti nei confronti degli insegnanti sono ormai all’ordine del giorno. E la classe politica italiana resta a guardare…

Biblioteca di una scuola – Foto: Pixabay.com

L’episodio è stato riportato sulle pagine locali del quotidiano Il Resto del Carlino e risale al 10 febbraio scorso e sarebbe avvenuto al culmine di una mattinata particolarmente agitata per il ragazzo. L’adolescente avrebbe iniziato a creare problemi già durante le prime ore della mattinata, giocando con un cacciavite e disturbando la lezione. L’insegnante, che solitamente riesce a gestire bene il ragazzo, è stata presa a pugni sul naso dallo studente durante un raptus. Cinque giorni di prognosi per la professoressa.

Alcuni giorni fa a Piacenza, uno studente di prima media ha colpito ripetutamente un’insegnante al braccio probabilmente per attirare l’attenzione. Sette giorni di prognosi per la professoressa. Sempre alcuni giorni fa un genitore ha picchiato il vicepreside della scuola secondaria di I grado “L. Murialdo” di Foggia solo per aver rimproverato il figlio del suo aggressore perché all’uscita da scuola spingeva e rischiava di far cadere le compagne in fila davanti a lui. Il docente ha subito traumi all’addome e al volto: 30 giorni di prognosi per il vicepreside.

Redazione-iGossip