Quantcast

Caso Denise Pipitone: aggrediti e minacciati di morte i giornalisti di Ore 14 a Mazaro del Vallo

Caso Denise Pipitone: ennesima aggressione e minacce di morte nei confronti dei giornalisti a Mazaro del Vallo. Ancora una volta una troupe del programma Rai è finita nel mirino di un uomo residente nel comune 50mila abitanti del libero consorzio comunale di Trapani, in Sicilia. Dopo la troupe di Chi l’ha visto, questa volta sono stati aggrediti e minacciati di morte i giornalisti di Ore 14, programma tv di Rai2 condotto da Milo Infante.

Un uomo ha puntato subito i giornalisti di Ore 14 e ha inveito contro di loro, aggredendoli e minacciandoli: “Andatevene, dovete andarvene, perché altrimenti io vi ucciderò. Mi avete stancato, dovete andare via da qui… Non mi importa nulla. Capite? Perché io vi ucciderò. Via da qui, ci avete stancato. Non ci credete che vi posso uccidere? Appena vi vedrò qui vicino arriverò, cavoli vostri. Io non ho nulla da perdere, vi avviso“.

Cercare la verità su Denise a Mazara può essere pericoloso. Aggredito l’inviato di Ore 14. Solidarietà e affetto al nostro Fadi – scrive il giornalista su Facebook -. Ore 14 Rai2 è anche questo. Cercare in strada le notizie e ottenere botte e minacce. Questo signore sarà denunciato anche se dice che non ha nulla da perdere. Sempre grazie invece a Mazara del Vallo e ai suoi fantastici abitanti che ci hanno accolto con affetto e disponibilità”.

Caso Denise Pipitone: ultime notizie

La pm Angioni è tornata a ribadire che la ragazza di cui ha parlato ieri potrebbe essere la figlia di Piera Maggio: “Rispetto alle altre segnalazioni che ci sono state, presente aspetti di compatibilità con Denise. Sono in assoluto aspetti in assoluto molto compatibili con la Pipitone. Ho mostrato le foto a degli esperti che esaminano i visi e mi ha confermato che la compatibilità sia della ragazza, che della figlia piccola con Denise è molto alta“.

Milo Infante ha messo in dubbio questa pista, ma un’inviata del programma di Eleonora Daniele ha fatto sapere che il magrebino di cui parla il conduttore di Ore 14 non c’entrerebbe nulla con questa nuova indagine: “Non c’è nessuna correlazione tra il magrebino di cui parlano Frazzitta e Milo Infante e questa pista della pm Angioni. Sarebbero due cose molto diverse ci dice il magistrato. Questa indagine è nelle mani della Procura di Marsala. Le forze dell’ordine stanno indagando. Il magrebino invece più volte ha cercato di entrare in questa vicenda, ma con dichiarazioni che non hanno portato a nulla. Ma ripetiamo che il magistrato ci ha ribadito oggi che non c’è nessuna correlazione. […] Non è solo l’età, ma ci sono una serie di circostanze che riportano a Denise“.