Quantcast

Caso Harvey Weinstein: Kate Beckinsale accusa il produttore

In queste ultime ore continuano a cadere a pioggia le denunce contro Harvey Weinstein e i racconti di star internazionali e modelle passano in rassegna ogni tipo di molestie sessuali: stupri, foto hard, violenza domestiche, pedofilia e aborti forzati.

Harvey Weinstein- foto etonline.com

Al centro dello scandalo che sta creando sconcerto nel mondo del cinema ci sarebbe Harvey Weinstein, cofondatore di Miramax e produttore che vinse l’Oscar per Shakespeare in Love, Gangs of New York e molti altri capolavori del cinema.

In principio fu Ashley Judd a raccontare l’episodio a Variety  ma senza svelare il nome del produttore, a cui si aggiunse il racconto di Rose McGowan.

Oggi, alla lista delle donne che confessano di aver subito molestie sessuali dal produttore, si aggiungono Gwyneth Paltrow, Cara Delevingne, Angelina Jolie e Asia Argento.

L’ultima testimonianza contro Weinstein arriva da Kate Beckinsale: “Quando avevo 17 anni mi hanno chiamata per incontrare Harvey Weinstein al Savoy Hotel. Pensavo che l’incontro sarebbe stato in una stanza per le conferenze, che era una cosa molto comune. Quando sono arrivata, alla reception mi hanno detto di andare nella sua camera. Lui ha aperto la porta in accappatoio. Ero incredibilmente naive e giovane e non mi è passata per la mente che un uomo più grande, non attraente, si aspettasse che io potessi avere dell’interesse sessuale verso di lui. Dopo aver rifiutato dell’alcol, gli ho detto che il giorno dopo dovevo andare a scuola, e me ne sono andata, a disagio ma illesa”.

La star di Underworld ha continuato a rifiutare di avere contatti anche solo lavorativi con produttore, un comportamento che le è costato diversi insulti da parte sua e un certo ostruzionismo nel mondo del cinema.

Harvey Weinstein si è limitato ad ammettere in parte le proprie colpe: “Riconosco che il modo in cui mi sono comportato con alcune colleghe in passato le ha ferite profondamente e per questa ragione mi scuso sinceramente. Anche se sto cercando di migliorarmi, so che ho molta strada da percorrere”.

Secondo alcune fonti, l’influente produttore sarebbe entrato in terapia per cercare di risolvere il suo problema.