Quantcast

Chiara Ferragni e Fedez accusati di essere cattivi genitori: lo sfogo social del rapper

Chiara Ferragni e Fedez sono stati accusati da diversi fan e detrattori di essere cattivi genitori per aver condiviso tante foto e Instagram Stories con il piccolo Leone Lucia sui social network. Lo sfogo social del famoso e popolare rapper pluritatuato non si è fatto attendere.

chiara-ferragni-fedez-leone-lucia

Il primogenito della coppia vip è nato con parto programmato nella notte tra lunedì 19 e martedì 20 marzo 2018, a Los Angeles, nello stesso ospedale dove ha partorito anche la celebre diva della musica mondiale Beyoncé. Il baby vip è diventato il beniamino del web.

Molti apprezzano, ma alcuni sottolineano che il fatto di aver esposto così velocemente Leone su Instagram va condannato. Secondo alcuni pettegolezzi, tutto ciò è stato fatto principalmente per raccogliere like. Altri ancora invece hanno semplicemente accusato i due neo genitori di aver “violato” i diritti del bambino.

Come hanno reagito Fedez e Chiara Ferragni? Il giudice di X Factor ha risposto così alle critiche e alle polemiche social: “I criteri per valutare la capacità di fare i genitori non dovrebbero basarsi sulle foto social. La questione è molto più semplice: semplicemente si sta condividendo uno dei momenti più belli della nostra vita, come farebbe qualsiasi famiglia della nostra generazione. Sembra quasi che siamo l’unica famiglia a farlo. Non siamo i primi personaggi pubblici a farlo, ma forse si cerca di vedere il marcio ovunque”.

Fedez ha poi ricordato quei momenti delicati della gravidanza della fashion blogger più potente del mondo quando è stato fondamentale per lei avere il supporto dei fan mediante i social network: “Quando Chiara ha avuto problemi, tutti i messaggi che le sono arrivati le hanno dato una forza che voi non avete idea. Il nostro bambino sarebbe comunque stato esposto, indipendentemente dalle nostre foto, non prendiamoci in giro. Ed è vero, un bambino non può scegliere se essere mostrato su Instagram o meno, proprio come non può scegliere di essere battezzato o meno”.