Quantcast

Chiara Ferragni rivela: “Da ragazzina mi vedevo brutta”

Chiara Ferragni ha confessato al settimanale Grazia che da ragazzina si vedeva brutta e inizialmente agli eventi si sentiva spaesata e impaurita. La celebre e potente fashion blogger ha dichiarato: “Brutta. Avevo i capelli corti, indossavo sempre tute. Un maschiaccio, cercavo di essere il figlio maschio che mio padre non aveva avuto”. La mamma vip del piccolo Leone ha infatti asserito: “Ero spaesata. Tutti si conoscevano, e nessuno conosceva me. Avevo paura di non riconoscere le celebrità, o di vestirmi in modo non consono. Sentivo la gente chiedersi: ‘Ma questa chi è?’. Oppure: ‘Durerà poco, sei mesi e sparisce’. Ci rimanevo male perché erano parole che ferivano la mia sicurezza. Tornavo a casa e pensavo alle cattiverie, ma poi ho capito che sarebbe stato meglio fregarsene”.

La moglie del rapper ed ex giudice di X Factor, Fedez, ha poi lanciato un messaggio contro il cyberbullismo: “Se avessi dovuto dare retta agli haters, mi sarei fermata nel 2010. E sì, sarei sparita come dicevano loro. Non esiste uno standard di bellezza. Esiste lo star bene con se stessi, per questo a me piace il mondo del beauty, che è alla portata di tutti: metti il rossetto, copri un brufolo, e ti senti bellissima”.

Chiara Ferragni si è poi soffermata sul documentario sulla sua vita presentato a Venezia 76, parlando di un’esperienza incredibile, quasi una seduta di psicoanalisi.