Pirati dei Caraibi, futuro incerto per il reboot

La notizia dell’esclusione di Johnny Depp dal reboot dei Pirati dei Caraibi aveva sconvolto gli equilibri del franchise di successo, ma ora il progetto torna a vacillare a causa dell’addio dei due sceneggiatori.

Pirati dei Caraibi- foto eyeni.biz

Solo qualche mese fa Sean Bailey, production chief della Disney, si era detto entusiasta di poter rendere “nuovamente punk” una saga piuttosto soddisfacente per la major, ma che si era un po’ arenata nell’ultimo periodo.

Ora, però, il reboot dei Pirati dei Caraibi potrebbe essere a rischio dopo che gli sceneggiatori Paul Wernick e Rhett Reese hanno abbandonato il progetto.

Lo stile innovativo e rivoluzionario del duo di sceneggiatori che h creato pellicole come Deadpool e Benvenuti a Zombieland avrebbe potuto dare nuovo lustro a una saga che, dopo La maledizione della prima luna senza il Jack Sparrow di Johnny Depp, non aveva convinto del tutto.

L’addio di Wenick e Reese potrebbe arrestare l’evoluzione del reboot ma, nonostante il mancato commento dello Studio, non mancano addetti ai lavori che continua a credere in una ripresa del progetto Disney.