Quantcast

Come allungare lo sguardo con il make-up?

Le make-up addicted amano creare un trucco seducente e impeccabile che rende l’occhio più allungato, quasi ad “occhi di gatto”. Come allungare lo sguardo con il make-up?

Occhi da gatta- foto 10naj.com

Le riviste di moda e le personalità dello showbiz ci hanno abituato a make-up impeccabili caratterizzati da sguardi allungati e ammiccanti, il sogno di ogni donna.

È chiaro che non tutte possono vantare occhi dal taglio allungato, ma questo non significa che non possano “forzare” il loro taglio intervenendo con un trucco correttivo.

5 modi per allungare lo sguardo con il make-up

Le donne con gli occhi piccoli e tondi possono allungare lo sguardo con il make-up mettendo in pratica qualche piccolo accorgimento magari finora trascurato.  Come dare una forma “felina” agli occhi?

  1. Eyeliner

L’eyeliner corre in aiuto di tutte le make-up addicted che vorrebbero sfoggiare uno sguardo da gatta nelle occasioni speciali. E non solo.

Tutto quello che bisogna fare è tracciare una linea di eyeliner sulla palpebra (magari lascando libero proprio l’angolo interno) e sollevarla appena nella parte finale dell’occhio.

  1. Ciglia finte

Le ciglia finte promettono di regalare uno sguardo da cerbiatto, ma quando si vuole allungare la forma degli occhi è possibile applicare ciuffetti di ciglia finte rigorosamente nella parte finale dell’occhio.

  1. Sfumature

Le make-up addicted che amano i trucchi grafici possono provare ad allungare lo sguardo creando una V esterna sfruttando ombretti scuri.

Anche in questo caso più ci si avvicina alla parte interna dell’occhio e meno possibilità si avranno creare un effetto allungato.

  1. Matita

La matita può diventare un prezioso alleato per realizzare uno sguardo affusolato. Basta ispessire il tratto quando si arriva nella parte finale dell’occhio e sfumare la matita esternamente.

  1. Punto luce

Tutte coloro che amano il make-up no make-up possono ottenere lo stesso effetto allungato sugli occhi sfumando un ombretto più scuro esternamente alle rime delle palpebre e applicando un ombretto luminoso nella parte più interna dell’occhio.