Quantcast

Cristian progetta di aprire un ristorante con Tara

Sembra davvero aver messo la testa a posto il tronista di Uomini e Donne, Cristian Galella. Quest’anno il suo è stato uno dei troni blu fr ai più chiacchierati e seguiti e anche la sua scelta, che ha visto trionfare la bella corteggiatrice Tara Gabrielletto ha avuto un seguito di pubblico molto ampio. In molti credono nella loro storia e sembra che questa volta Cristian sia davvero riuscito a trovare l’anima gemella.

Ce l’ha fatta dopo essere salito per la terza volta sul trono più famoso della tv. Dopo il due di picche ricevuto dalla tronista napoletana Paola Frizziero, di cui Cristian era perdutamente innamorato, il bello di Vigevano era ritornato la stagione dopo sul trono, ma dopo molte polemiche e attacchi aveva preferito abbandonare il trono perchè non si riteneva interessato a nessuna delle corteggiatrici.

Nessuno credeva più alla sua sincerità invece Maria De Filippi l’ha rivoluto sul trono quest’anno e il bel Cristian ha saputo sfruttare la sua occasione scegliendo la corteggiatrice Tara e trovando finalmente la donna adatta a lui.

Li abbiamo visti alla puntata delle coppie felici e innamorati, lei sempre timida, ma radiosa, lui felice e innamorato. Sembra infatti che la storia fra i due stia procedendo a gonfie vele e i due piccioncini già progettano di andare a vivere insieme e, forse, di crearsi una famiglia. L’unica cosa infatti che li spinge a litigare è la distanza, i due infatti vivono in città diverse.

Ha dichiarare questo proposito è stato lo stesso Cristian che inoltre ha raccontato i suoi progetti a lungo termine anche in ambito lavorativo, progetti che includerebbero anche la sua dolce metà Tara Gabrielletto.

L’ex tronista infatti ha dichiarato “Le serate mi consentono di sfruttare al massimo la visibilità ottenuta con UeD e quindi poter mettere da parte qualche soldo da investire nei miei progetti”, il progetto sarebbe quello di un ristorante, magari da gestire con Tara.

Dunque sembra proprio che Cristian faccia sul serio stavolta.

Di Valentina Vanzini