Quantcast

Dickens. L’uomo che inventò il Natale: arriva al cinema il dietro le quinte di A Christmas Carol

Mancano poche ore all’uscita nelle sale italiane di Dickens. L’uomo che inventò il Natale, il racconto dei vari momenti che portarono alla creazione del fantastico mondo  del Canto di Natale, il più celebre racconto di Charles Dickens.

Dickens. L’uomo che inventò il Natale: arriva al cinema il dietro le quinte di A Christmas Carol – foto mymovies.it

Il film che porta la firma del regista anglo indiano Bharat Nalluri racconta le vicende personali e professionali di Charles Dickens in un momento in cui la vena creativa dello scrittore si trova a vacillare di fronte alla pagina bianca, al mancato sostegno dei vari editori e alle sei settimane a disposizione per confezionare una storia degna del suo talento.

Il senso del film Dickens. L’uomo che inventò il Natale arriva direttamente dalle parole di  Bharat Nalluri: “Ho letto il libro di Dickens ‘Il canto di Natale’, tra i maggiori best seller di tutti i tempi, quando avevo 11 anni, in una famiglia, la mia, che non ha mai festeggiato il Natale, e ne sono stato toccato per sempre. Per me questo film è un po’ un modo per omaggiare quell’uomo, che a 31 anni, e in un momento suo non facile, scrisse uno dei libri fondanti della nostra cultura contemporanea”.

La pellicola sospesa tra realtà e immaginario è liberamente ispirata dal libro omonimo di Les Standiford e interpretata da grandi attori quali la star Downtown Abbey Dan Stevens, il premio Oscar Christopher Plummer e l’attore teatrale Jonathan Pryce.

Dickens partorisce A Christmas Carol  dopo aver conosciuto il successo di romanzi quali Olivier Twist, David Copperfield e Il Circolo Pickwick e in un momento in cui aveva bisogno di soldi per la famiglia e conferma del proprio talento

È proprio l’anima conflittuale dello scrittore ottocentesco che il regista Nalluri ha voluto sottolineare: “Il successo ‘congela’ le persone. Volevo raccontare anche questo, ma con leggerezza, ironia e amore per questo scrittore che era a sua volta un personaggio”.