Quantcast

Dot make-up, i puntini che rendono l’occhio futuristico

C’è chi lo considera un trend e chi lo utilizza per attirare l’attenzione senza esagerare: il dot make-up è un trucco unico e veloce da realizzare. Scopriamo tutto quello che c’è sa sapere!

Dot- foto pinterest.co.kr

Semplice, veloce e originale. Il dot make-up o dot eyeliner non è altro che un trucco che punta verso il basso, vale a dire la parte inferiore dell’occhio.

Incredibilmente questo make-up sposta l’attenzione su una parte secondaria dell’occhio rendendola unica e a tratti avveniristica.

Cos’è il dot make-up? Semplicemente la realizzazione di uno o più puntini di dimensione variabile lungo la rima ciliare inferiore.

Come realizzare il dot make-up

L’obiettivo del dot make-up è creare uno o più puntini lungo la rima ciliare inferiore, quella solitamente destinata alla matita occhi.

La prima cosa da sapere è che esistono eyeliner dalla punta in feltro arrotondata appositamente progettati per creare un puntino (dot), ma si può fare anche con l’eyeliner o la matita occhi di sempre.

Al classico puntino nero è possibile preferire i punti rossi per accendere lo sguardo in modo davvero originale. Ma va bene qualsiasi altro colore.

Tutto quello che si deve fare è creare un punto (ma anche più puntini) al centro della rima ciliare inferiore oppure in una posizione leggermente decentrata.

Il resto del trucco occhi può essere lasciato al naturale senza ombretto oppure arricchito con un tratto di matita o eyeliner nero (o dello stesso colore del dot).

Semaforo verde per l’uso dei glitter nelle occasioni speciali o nelle feste a tema, a patto che vengano usati insieme al mascara.

A chi sta bene?

Il dot make-up sta a bene a chiunque, dalle giovanissime alle donne più mature che amano divertirsi con il trucco. Gli occhi vengono messi in primo piano, ma senza grandi tecniche.

Esistono delle situazioni nelle quali sarebbe meglio evitare il dot make-up:  quando ci sono occhiaie e borse perché verrebbero evidenziate e quando si ha un occhio tondo e sporgente perché ne accentuerebbe la forma.