Quantcast

Eletta a sedici anni Miss Lato B

L’elezione di Miss lato B si è tenuta presso una discoteca del Vicentino dove è stata eletta una giovane studentessa di sedici anni. La notizia ha immediatamente scosso gli animi e le associazioni dei genitori hanno ritenuto il tutto ‘diseducativo’. Monica, la ragazza che ha vinto, ha affermato che per lei è stato solo un gioco, divertendosi a sfilare in costume da bagno.

La giuria ha visto come presidente la star dell’hard Amanda Fox che l’ha eletta come miglior fondoschiena. Suo padre dice di essere orgoglioso di sua figlia, lui l’ha accompagnata e costantemente vigilata. Ha vinto delle ciocche per le extention e 700 euro, insomma un premio accettabile. A partecipare ovviamente non era l’unica ragazzina e anche per questo motivo si sono scatenate delle polemiche. Il movimento italiano genitori ha ritenuto il tutto piuttosto diseducativo comunicando dei valori sbagliati. Le ragazze di quella fascia di età sognano di entrare a far parte del mondo dello spettacolo e spesso credono che sia anche un modo facile per guadagnare subito e bene, a quest’età è importante anche coltivare valori diversi che possano così dare frutto attraverso delle generazioni che dovranno essere il futuro.

La voglia e il desiderio di apparire sembra sempre più coinvolgere fasce di età più basse, soprattutto perché i modelli propinati dai principali mezzi di comunicazione mettono in evidenza maggiormente il corpo della donna piuttosto che altre doti. Il desiderio di partecipare ad un concorso di bellezza se fatto come gioco e desiderio per una sera di sfilare è senza dubbio privo di alcun ‘effetto collaterale’ ma non deve diventare un modo per essere sempre più quanto simili alle modelle per cercare di conquistare una fascia. A quest’età partecipare ad un concorso di bellezza deve essere preso con la giusta leggerezza e poi se sarà, perché no potrebbe diventare il proprio lavoro.