Quantcast

Elisa Isoardi a dieta: “Non sono una modella, ci sta che in una quaranta io non entri”

Elisa Isoardi è a dieta. La conduttrice tv del programma di Raiuno, La Prova del Cuoco, ha perso tre dei cinque chili presi, gli altri due rimasti vorrebbe tenerli perché trova che le donino molto. L’ex compagna del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha spiegato al settimanale Gente: “Ho ripreso in mano la mia vita dopo un periodo personale non semplice, di scelte e cambiamenti. Ma ne sono uscita. Da sola. Mi sono riscoperta coraggiosa e con una forza che non immaginavo di avere. Oggi sono fiera e forse traspare”.

Elisa Isoardi ha poi aggiunto: “Dopo nove mesi di programma, tra pietanze e fornelli sempre accesi, mi sono ritrovata con cinque chili addosso di peccati di gola, che tra i sette vizi capitali è certamente il più vario. Assaggiavo in trasmissione e portavo a casa quello che preparavamo, oppure solo alcuni ingredienti e poi replicavo le ricette per me e gli amici. Sono una buona forchetta e penso che cucinare sia un atto d’amore verso se stessi e le persone alle quali si vuole bene“.

Elisa Isoardi ha poi sottolineato: “Comunque, ho smaltito tre chili, gli altri due preferirei mantenerli, tonificando il corpo, perché rendono il mio viso più armonico, disteso. Non sono mai stata schiava né dello specchio né della bilancia, perché ho sempre puntato su ciò che c’è dal collo in su… Trovo che fascino e sensualità non siano solo una questione di perfezione, ma si accendano attraverso uno sguardo, un atteggiamento, ciò che dici e come lo dici. Quando ti accorgi che la gente ti apprezza per il percorso che hai fatto, per il tuo lavoro, per quello che trasmetti quando entri nelle loro case regalando momenti leggeri ma anche utili, ti guardi con occhi diversi e l’autostima vince su eventuali insicurezze”.

Non crede molto nella dieta maniacale e nel peso forma come obiettivo primario: “Ogni donna dovrebbe essere orgogliosa di se stessa, anche se ha qualche chilo in più. Non sono una modella, ci sta che in una quaranta io non entri”.