Quantcast

Ellen Page fa coming out: “Sono transessuale, d’ora in poi chiamatemi Elliot”

Ellen Page ha fatto nuovamente coming out, rivelando di essere transessuale non binario, vale a dire né uomo né donna. Ora si chiama Elliot Page. L’ha annunciato la stessa star di Juno e Umbrella Academy mediante un post condiviso sui suoi profili Facebook, Instagram e Twitter. Ha esordito così sui social: “Ciao amici, voglio condividere con voi che sono una persona trans e il mio nome è Elliot. Mi sento fortunato a scrivere queste parole e di essere qui. Di aver raggiunto questo punto della mia vita”.

Ellen Page diventa Elliot – Foto: Facebook

Il 33enne attore canadese è noto per il suo ruolo da protagonista in Juno, Hard Candy e per aver interpretato Kitty Pryde / Shadowcat in X-Men – Conflitto finale e in X-Men – Giorni di un futuro passato, nonché per il suo ruolo dell’architetto Arianna in Inception di Christopher Nolan.

Nel suo post social ha poi scritto: “Sento una gratitudine profonda per tutte le persone incredibili che mi hanno sostenuto in questo viaggio. Non riesco a esprimere quanto sia straordinario amare finalmente chi sono e proseguire la mia vita come l’autentico me stesso. Sono stato infinitamente ispirato da molte persone appartenenti alla comunità trans. Grazie per il vostro coraggio, la vostra generosità e il lavoro incessante che portate avanti ogni giorno per rendere questo mondo un luogo più inclusivo e compassionevole. Offrirò tutto il supporto possibile e continuerò a lottare per una società più amorevole ed equa”.

Il giovane attore, che ha ricevuto una candidatura all’Oscar alla miglior attrice per il film Juno, è felicemente sposato da due anni con la ballerina e coreografa Emma Porter.

Ha ammesso di essere stato spaventato alla prospettiva del suo secondo coming out, assai più difficile del primo a causa “dell’odio, gli scherzi e la violenza” di cui sono soggetti i transessuali.

Ha ringraziato quindi la comunità trans per “il coraggio e l’incessante lavoro per rendere il mondo un posto più inclusivo e compassionevole”, attaccando allo stesso tempo i leader politici che “lavorano per criminalizzare la sanità per i trans”: gente – ha aggiunto – che “ha le mani sporche di sangue”.

Pubblicato da Elliot Page su Martedì 1 dicembre 2020

Dopo questo secondo coming out, Elliot entra in un piccolo club di star transessuali che includono Laverne Cox, Trace Lysette, Brian Michael Smith e il creatore di “Transparent” Joey Soloway.

Congratulazioni Elliot anche da parte della nostra redazione. Auguri!