Quantcast

Emily Ratajkowski attaccata per il video di Blurred Lines

E’ stato il videoclip che ha accompagnato primavera ed estate 2013 a suon di rhythm and blues: parliamo di Blurred Lines, la canzone interpretata da Robin Thicke, salita ai vertici delle classifiche internazionali, che ha avuto il merito di riportare Emily Ratajkowski sullo schermo in una veste decisamente sensuale e volta a catturare l’attenzione del pubblico.

Chi ha seguito le controversie relative al video in questione, ricorderà infatti come la canzone sia stata più volte criticata per l’eccessiva messa in mostra dei corpi degli attori e delle ballerine che vi hanno preso parte, mossa che è comunque valsa a Blurred Lines molta popolarità.

Emily rientra tra coloro che non sono affatto soddisfatti del video girato con Thicke, in quanto a distanza di anni continua ad essere oggetto di critiche per aver mostrato le proprie fattezze in video: l’attrice ha replicato che, essendo cresciuta in una famiglia che l’ha educata ad avere fiducia in sé e nella propria fisicità, non ha alcun problema a mostrarsi in video in atteggiamenti accattivanti, e che il disagio maggiore le deriva dagli ex fan e dai cosiddetti “haters” infastiditi dalle immagini esplicite del video. La Ratajkowski ha inoltre aggiunto che non è mai stata abituata a vedere il proprio corpo “come qualcosa di super sensuale”, ma semplicemente di essersi messa in gioco in un videoclip che, come tanti, pongono la figura femminile al centro della scena.

Possiamo quindi essere certi che la star di “Gone Girl” non rinuncerà in futuro ad essere ancora al centro della scena, dal momento che di eventuali critiche non sembra curarsi più di tanto: è un atteggiamento che più volte si è dimostrato vincente nel mondo dello spettacolo, e che le auguriamo di mantenere.