Quantcast

Fabrizio Corona confessa: “Per fare l’amore ho bisogno delle sostanze”

Fabrizio Corona ha rilasciato un’intervista venerdì scorso al programma tv di Federica Panicucci, Mattino 5, in cui ha confessato che per fare l’amore ha bisogno delle sostanze. Il fidanzato della cantante del duo musicale Le Donatella, Silvia Provvedi, ha rivelato che era un malato cronico, ma ora è monogamo.

Fabrizio Corona – Foto: Facebook

L’ex re dei paparazzi italiani si è soffermato sulla reunion con Silvia Provvedi:  “Siamo tornati a vivere insieme. Abbiamo preso una casa, adesso faccio il serio. L’ultima litigata che abbiamo fatto è stata bruttissima, ci ha veramente separato e ha rischiato di far finire la nostra storia ma oggi posso dire che non siamo mai stati così bene. Quando ero in carcere le avevo chiesto di sposarmi ma ora non accetterebbe e fa bene”.

Fabrizio Corona parla del periodo trascorso in carcere

Ha poi ricordato il suo delicato e travagliato periodo trascorso in carcere: “É stata per me un’esperienza di vita che mi ha formato e mi è servita. Oggi, sono un uomo migliore. Non ho mai pianto ma ho avuto momenti di disperazione e di sconforto. Ho avuto una vita così attiva che è come se avessi vissuto 150 anni, io non penso di arrivare a 54 anni, penso di morire prima dei 50. Penso che morirò in modo clamoroso”. Ha poi chiesto scusa al Procuratore Generale per le parole e i toni usati nei suoi confronti all’uscita dall’udienza del processo d’appello sui capitali nascosti: “Sono convinto che nel momento in cui sei in esecuzione di pena devi portare rispetto alle istituzioni. Puoi non condividere certi atteggiamenti e certe dichiarazioni ma devi comunque portare rispetto nei modi e nelle parole”.

Fabrizio Corona e la storia precedente con Belen

Sulla sua precedente love story con Belen Rodriguez ha dichiarato: “È stata una storia importantissima. A me dispiace non avere questo tipo di rapporto con la mia ex moglie perché è la madre di mio figlio. Con Belen è finita perché avevo davanti 13 anni di galera… sono una vita”.