Quantcast

Fausto Brizzi accusato di molestie sessuali: lui respinge le accuse e annuncia querele

Fausto Brizzi è stato accusato di molestie sessuali: lui ha respinto le accuse e ha annunciato querele. La conduttrice tv, attrice e deejay Asia Argento l’ha attaccato su Twitter. Dopo le pesanti accuse lanciate da Miriana Trevisan contro Giuseppe Tornatore, anche il marito di Claudia Zanella è finito nel tritacarne mediatico.

Fausto Brizzi – Foto: Facebook

Fausto Brizzi ha respinto tutte le accuse mediante una nota diffusa dal suo avvocato: “Ho appreso con grande sconcerto dagli articoli apparsi sulle pagine di alcuni quotidiani dell’esistenza di ipotetiche segnalazioni di molestie fatte da persone di cui non viene precisata l’identità. Posso solo affermare, con serenità e sin da ora, che mai e poi mai nella mia vita ho avuto rapporti non consenzienti o condivisi. Per questo, escludo categoricamente di aver conferito mandato legale per trattare il risarcimento del danno in favore di presunte vittime”.

Per poi aggiungere: “Procederò, pertanto, in ogni opportuna sede nei confronti di chiunque abbia affermato e affermi il contrario. In via precauzionale, e per evitare strumentalizzazioni, ho sospeso tutte le mie attività lavorative ed imprenditoriali. Chiedo a tutti il massimo rispetto della privacy della mia famiglia e, in particolare, di mia moglie”.

“Querelaci a tutte! Non ci fai paura!”, ha scritto Asia Argento su Twitter. L’attrice era stata tra le prime a denunciare gli abusi subiti dal produttore americano Harvey Weinstein, aprendo il dibattito sulle molestie, tra sostegno e polemiche.

Il regista Neri Parenti non crede minimamente alle accuse. Dario Argento ha invece dichiarato a Domenica In: “L’ho conosciuto a Los Angeles: sembrava una persona un po’ allegra, ma molto simpatica, non lo so. Brizzi non c’entra, ma a ogni modo i molestatori nella vita sono spesso educati, gentili, simpatici, umani, solo a un certo punto, mentre stanno con una ragazza, scatta in loro la pazzia del sesso da serial killer. È un po’ una malattia, come è successo per Harvey Weinstein“.