Quantcast

Federica Calemme nel mirino di Clarissa Selassié: “Sono rimasta male, lei mi ha scritto e non ho risposto”

Federica Calemme è finita nel mirino della principessina etiope Clarissa Selassié per le sue dichiarazioni rilasciate in merito alla rottura tra Manuel Bortuzzo e Lucrezia Selassié, meglio conosciuta come Lulù. “Tanti personaggi poco conosciuti che hanno fatto il GF Vip si stanno aggrappando pur di parlare ed avere gli articoli. Dicono ‘no perché io so tutto’ e alla fine non sanno nulla. Mi fanno molto ridere, ed è facile incolpare Lulù per il suo carattere. – ha detto Clarissa a Casa Chi – Di chi parlo? Certo spillo tutto sapete che io parlo senza freni e non ho problemi a spillarvi la verità”.

Federica Calemme
Federica Calemme in costume – Foto: Facebook

Clarissa Selassié ha poi aggiunto: “Ho letto le interviste di Chi, ho apprezzato Gianmaria, Urtis, Davide, Basciano e Sophie. Poi ci sono i personaggini tipo Maria Monsè che cerca i riflettori. Poi altri personaggi mi hanno fatto ridere, poi sono rimasta male di Federica Calemme. Non è vero che lei è più amica di Manuel, nel periodo fuori dal GF Vip lei stava sempre con me. Ci siamo sempre sentite. Dire che lei ha un affetto in più per Manuel non lo capisco, loro condividono poco. Ha preso le parti di Manuel, ma se voleva bene anche a noi non doveva prendere le parti di nessuno. Sono rimasta male, lei mi ha scritto e non le ho nemmeno risposto”.

Ma cosa aveva dichiarato Federica su Manuel e Lulù?

“Due persone come Manuel e Lulù, come me e Gianmaria: spente le luci della tv, si sono trovati ad affrontare la realtà. E nella realtà, nella vita, nel quotidiano, tutto può cambiare. – aveva dichiarato Federica a Chi –. Loro sono giovani. Ci sta che non si siano trovati. Proprio perché sono giovani però hanno tempo di rifarsi. Io ho visto più Manu, perché è molto amico di Gianma, e so che sapranno ripartire. Da separati, ma sapranno ripartire entrambi”.

Aveva poi aggiunto: “Le storie finiscono, anche per una distrazione. Accade anche a storie che magari duravano da dieci, venti, trent’anni. E finiscono pure quando ci sono di mezzo matrimoni e figli. Però sono dispiaciutissimo. Manuel e Lulù li conosco entrambi e sono molto legato a tutti e due. Per ragioni diverse. Con Manuel ho diviso un pezzo importante delle mie emozioni; con Lulù ho passato notti intere a ridere, a scherzare e ad analizzarci (a modo nostro). Quello che so è che Manuel – per quanto per lui come per tutti sia importante l’amore – ha comunque altre priorità: non solo le Paralimpiadi, ma anche il provare a tornare a camminare. Posso supporre che, per essere arrivato a una decisione così, stia attraversando un momento nel quale non è tranquillo”.

Per poi concludere: “Non so se dipende da Lulù o da persone esterne: approfondirò nei prossimi giorni. Io so che Manuel vuole un gran bene a Lulù, ma so anche che lui soffre sia emotivamente, sia dal punto di vista fisico”.