Quantcast

Fedez riceve un’altra querela dal Codacons: “Non ne posso più, sono perseguitato”

Fedez ha ricevuto un’altra querela dal Codacons, associazione senza fini di lucro nata nel 1986 in difesa dei consumatori e dell’ambiente. Il famoso e popolare rapper e produttore discografico è andato su tutte le furie su Instagram Story, dopo l’ennesima querela. Il marito della celebre, influente, ricca, potente e amatissima fashion blogger e imprenditrice Chiara Ferragni agita l’ennesima raccomandata recapitata a casa.

Fedez – Foto: Instagram

L’associazione prende di mira la raccolta fondi Scena Unita a favore dei lavoratori dello spettacolo. “Non ne posso più. Sono perseguitato dal Codacons – ha tuonato il rapper – Riescono a paragonare la nostra raccolta fondi, con cui abbiamo raccolto più di 5 milioni di euro per i lavoratori dello spettacolo, alla raccolta fondi di Malika (la ragazza cacciata di casa dai genitori perché lesbica e che ha utilizzato una parte delle donazioni ricevute per acquistare una Mercedes, ndr). Il Codacons, chiede di procedere all’immediato sequestro”.

E infine la conclusione dell’artista: “Fate schifo, sono stufo di essere perseguitato da voi. È incredibile che nessuno faccia niente per controllare voi. So quello che fate, come lo fate. Sono stufo di essere perseguitato anche quando si fa del bene. Hanno il coraggio di rompere i coglioni ad artisti che hanno raccolto milioni per aiutare i lavoratori dello spettacolo. Come è possibile succeda questo? Io ho 30 denunce, devo andare in tribunale 30 volte con questi stronzi che intasano i pubblici uffici”.

Immediata la replica del Codacons: “Evidentemente Fedez non ha letto la nostra istanza, e se l’ha letta non l’ha capita, dimostrando leggerezza e superficialità – si legge nella nota – L’atto presentato dalla nostra associazione e a cui il rapper fa riferimento è finalizzato proprio a tutelare le raccolte fondi come quella avviata da Fedez, e a garantire trasparenza e correttezza ai donatori circa la destinazione e l’utilizzo dei soldi raccolti. Una richiesta, come si legge nell’atto, che chiama in causa anche i recenti fatti di cronaca, come il caso di Malika che ha tenuto banco sulla stampa per giorni e ha minato la fiducia dei cittadini verso le iniziative di beneficenza, senza minimamente paragonare la raccolta di Fedez a quella della ragazza”.

Il comunicato continua: “Entrando poi nel merito delle accuse mosse dal rapper verso la nostra associazione, gli insulti, l’arroganza, le menzogne contenute nel suo video e la violenza dimostrata nei nostri confronti varranno a Fedez una nuova querela per diffamazione, che il rapper si sarebbe potuto evitare se solo avesse letto (e compreso) l’atto che gli è stato notificato. In favore dell’influencer stanziamo volentieri una piccola somma per pagare un giovane docente di italiano che, da oggi, manderemo a casa di Fedez quando dovrà leggere atti da noi scritti, per essere certi che li legga e li comprenda a fondo”.