Quantcast

Fendi: debutto couture Parigi per nuovo direttore creativo Kim Jones

Fendi: ultime news e rumor. L’Orlando di Virginia Woolf sfila sulla passerella che segna il debutto nell’alta moda parigina del nuovo direttore creativo di Fendi couture e pret a porter, Kim Jones, chiamando a raccolta modelle d’eccezione, vecchie e nuove glorie tra le top model, in alcuni casi con la loro progenie. Sono Kate Moss e sua figlia Lila, Demi Moore, Naomi Campbell, Bella Hadid, Cara Delevingne, la supermodella degli anni Novanta Christie Turlington, suo nipote James Turlington, Delfina Delettrez Fendi e Leonetta Fendi, figlie di Silvia Venturini Fendi.

La sfilata si è svolta ieri sera a Palais Brongniart, con un allestimento di specchi e vetrine che creavano una sorta di labirinto-grande magazzino. Per l’ispirazione, Kim Jones ha chiamato in causa una storia letteraria che nasce nello stesso periodo di quella di Fendi. La storia del gruppo letterario di Bloomsbury, in cui spiccano le figure di Virginia Woolf, del suo amore per la scrittrice Vita-Sackeville West e del capolavoro che la Woolf le ha scritto addosso: Orlando. Lo spunto della collezione la relazione tra Virginia Woolf e Vita Sackville-West, che le ispirò l’Orlando, nel 1922, solo anni prima che lo stesso Fendi lo fosse fondata.

Per Fendi Couture trovano spazio ispirazioni in apparenza diverse. Femminilità e androginia maschile appaiono come scelte fluide. Una lettera d’amore scritta da Virginia Woolf a Vita Sackville-West nel 1928 – solo tre anni dopo la fondazione di Fendi – è lo spunto letterario di molti accessori collezione: a volte è una pochette in metallo a forma di libri rilegati, altre volte è una minaudières in madreperla, oppure sono alti stivali cuissard. C’è anche una mostra curata da Sammy Jay in cui i libri di Woolf e Sackeville-West sono messi in dialogo: Exhibition of Rare Books and Manuscripts allestita nello stesso Palais Brongniart che ospita la sfilata.