Quantcast

Fiorello al Grande Fratello Vip? “Mai, neanche sotto tortura”

Fiorello al Grande Fratello Vip? Mai! Il 56enne showman siciliano Rosario Tindaro Fiorello, conosciuto semplicemente come Fiorello o anche come Fiore, ha le idee chiare sul reality show di Canale 5 che sta facendo molto discutere in questi ultimi giorni per via dell’espulsione di Clemente Russo e per via dei numerosi tradimenti confessati dall’ex calciatore della Sampdoria e della Fiorentina Stefano Bettarini ai danni dell’ex moglie Simona Ventura. Ne hanno parlato tutti i giornali web e cartacei, i telegiornali, e sul caso Clemente Russo sono intervenuti anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando del Governo Renzi e il Codacons.

Fiorello - Foto: Facebook
Fiorello – Foto: Facebook

Il simpatico, divertente e famoso imitatore, conduttore radiofonico, comico, cantante, conduttore televisivo, attore e doppiatore Fiorello ha asserito: “Quel programma nasce nella speranza che succedano incidenti politicamente scorretti. E’ chiaro che poi uno condanna le affermazioni sessiste o omofobe e se ne discute, ma chiudere in una casa della gente con le telecamere accese serve proprio a questo. Pure io dopo qualche giorno comincerei ad insultare chiunque. E infatti non parteciperei a quel programma nemmeno sotto tortura”. Lo showman ha poi raccontato la sua giornata tipo: “Mi sveglio prima delle 4 del mattino e mi muovo in punta in piedi per casa, guidato dalla luce del cellulare per non svegliare mia moglie Susanna. Arrivo al bar alle 4.45 per leggere i giornali. Alle 6.30 arrivano tutti gli altri. Alle 7 accogliamo l’ospite. Alle 7.30 siamo in diretta. Poi registriamo altri 10 minuti di intervista con l’ospite del giorno che montiamo per la replica della sera. Fino a pranzo lavoriamo al montaggio e alla puntata del giorno dopo. Mangiamo e dopo pranzo mi faccio una ‘pennica’. Poi dalle 18 cominciamo a sentirci con gli autori per commentare le notizie di cui parleremo il giorno dopo. E alle 21 vado a dormire”.

Intanto il Codacons è tornato all’attacco del Grande Fratello Vip e in particolar modo dell’ex difensore della Nazionale italiana di calcio Stefano Bettarini, che è stato salvato dagli autori del reality show di Canale 5. “La cacciata di Clemente Russo e la spiegazione secondo cui i concorrenti sanno di essere ripresi 24 ore su 24 non basta a cancellare quanto accaduto – ha spiegato il presidente dell’associazione, Carlo Rienzi – La produzione avrebbe dovuto eliminare dal GF Vip anche Stefano Bettarini, che con il suo triste elenco di conquiste sessuali ha dato uno squallido esempio di becero maschilismo, attraverso un atteggiamento gravemente diseducativo per i più giovani”.

E voi cosa ne pensate? Ha ragione il Codacons oppure meritava soltanto la nomination d’ufficio Stefano Bettarini?