Quantcast

Fiorello ritorna in Rai come salvatore

Non è stato un anno brillantissimo per la Rai, la tv di stato ha dovuto affrontare molte sconfitte nei riguardi della concorrenza e questo trend sembra non voler cambiare nemmeno in quest’inizio della stagione televisiva autunnale. E’ chiaro che molte scelte attuate dall’azienda non hanno fatto altro che penalizzare ulteriormente questa rete, che ogni giorno annaspa alla ricerca di qualche ascolto in più. La crescita dei canali del digitale terrestre, la sempre più innovativa La7 e il grande potere economico della Mediaset, hanno fatto sì che la Rai si ritrovasse in acque davvero molto torbide.

La situazione purtroppo non migliora ed ora l’unico che potrebbe salvare la baracca sembra essere Fiorello. Non sarà facile per lo showman riuscire a risollevare l’auditel esoprattutto il morale di questa tv di stato che ormai sembra aver perso tutti i grandi poteri di un tempo. Fiorello ritorna in Rai come salvatore, o almeno ci proverà. Dal 14 novembre allieterà per ben quattro puntate la serata di Raiuno e si sa che quando c’è Fiorello di mezzo inevitabilmente l’attenzione del pubblico si catalizza totalmente su di lui. E’ uno showman a tutti gli effetti capace con la sua grande ironia di far divertire tutta la gente. E’ stato per un pò di tempo su Sky e anche lì Fiorello ha dimostrato di essere realmente il numero uno. La notizia importante per la Rai non riguarda solo il ritorno dello showman, ma anche il compenso economico che il presentatore percepirà.

A quanto pare Fiorello ha deciso di accettare lo stesso contratto di ben sette anni fa, quando diede vita al suo ultimo show in casa Rai. Una mossa importante per lo showman che ha capito come la Rai si trovi in serie difficoltà e non ha quindi voluto pretendere grossissime cifre che gli spetterebbero anche. Fiorello quindi ritorna in rai come salvatore e questo sembra spaventare un pochino il presentatore che ha infatti confessato di avere un pò di timore. In effetti tutti gli occhi saranno puntati su di lui e sarà quindi fondamentale non sbagliare. Quello che però interessa a Fiorello è riuscire a fare un bellissimo spettacolo.