Quantcast

Francesca Pascale “Così ho conquistato Berlusconi”

francesca-pascale

Su Oggi, Francesca Pascale racconta l’incontro e l’amore per Silvio Berlusconi “Ero ancora una ragazzina quando mi sono messa in testa di conoscerlo. Ho iniziato ad amarlo in maniera ossessiva. Piano piano cominciai ad avvicinarmi a Forza Italia” ha raccontato la Pascale.

Francesca Pascale “Ecco come agganciai Berlusconi”

Grazie alla sua ostinazione Francesca Pascale riuscì ad avvicinare Berlusconi “Il 5 ottobre 2006 alle 13.50, arrivò la grande occasione. Con altre quattro pazze di “Silvio ci manchi” eravamo a Roma quando ci dissero che lui aveva una riunione al Duke Hotel dei Parioli. Ci precipitammo lì e arrivò lui: era davvero affascinante” ha rivelato “Lo guardai come una deficiente, “Presidente”, gli dissi “lei è bellissimo”. Lui sorrise: “Ti senti bene?”. Alla fine mi avvicinai di nuovo e con sfrontatezza gli chiesi: “Da azzurra ad azzurro possiamo darci del tu?”. “Sì, certamente”, rispose lui. “Questo è il mio numero”, gli dissi allungandogli un pezzetto di carta: “Aspetto una tua telefonata, così mi annoto il numero”. E lui: “Vai di fretta…”. Qualche giorno dopo, a mezzanotte, squilla il mio cellulare. “Pronto, chi sono?”. E io: “Dai Lello, non prendermi in giro…”. “Davvero non mi riconosci?”. Restammo al telefono per due ore filate”.

Francesca Pascale “Dicevo a Berlusconi Ti Amo”

“Ogni tanto mi telefonava” ha raccontato la Pascale “Avevo impostato nella suoneria del cellulare il suo numero alla canzone di Gianna Nannini Sei nell’anima. Gli dicevo: “Tra noi ci sono quasi cinquant’anni di differenza, è vero, potrei esserti figlia e perfino nipote. Lo so che hai tantissime aspiranti fidanzate. Ma io sono innamorata di te e, prima o poi, tu ti innamorerai di me””.