Quantcast

Francesco Sarcina rivela: “Mi buttavo nel torbido, ho detto basta anche ad amicizie e amori che mi hanno pugnalato”

Francesco Sarcina ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera qualche giorno prima del debutto del Festival di Sanremo 2022. Il famoso e popolare cantante sarà in gara alla kermesse canora nazionale con la sua band, Le Vibrazioni. Una “schitarrata” apre il brano intitolato Tantissimo del gruppo di Francesco Sarcina ed è una dichiarazione d’intenti: la band propone un brano veloce e rock dalle chiare sonorità Anni 80, cassa dritta e tastieroni: «Chiamiamo amore, per quante volte facciamo finta di non ricordarci il nome».

Francesco Sarcina – Foto: Facebook

Nell’intervista rilasciata al Corriere della Sera, si è parlato anche della sua autobiografia «Nel mezzo», uscita lo scorso anno, che fotografa una vita rock all’eccesso…

«Ho una dedizione a buttarmi nell’uragano – ha detto l’ex marito di Cristina Incorvaia -, sembra che cerchi volontariamente di farmi colpire per sentire dolore e sentirmi vivo. Chi fa sport estremi lo fa in maniera sana, io mi buttavo nel torbido e nelle oscurità… alcol, droghe, sesso in maniera compulsiva. La musica mi ci aveva buttato dentro perché ero finito in tutti gli stereotipi del genere, ma allo stesso tempo mi ha fatto uscire. Adesso mi sento più forte. La cosa che più mi ha fatto riflettere è che quello che chiami amore o amicizia a volte ti pugnala. È peggio di qualunque sostanza, ti spezza le gambe».

A dicembre è nata Yelaiah ed è diventato papà per la terza volta con tre mamme diverse… «Lei mi dona energia e allegria – ha detto Sarcina -. Mi risento vivo e giovane… fino a che non dovrò saltare con lei in braccio per farla giocare… Con gli altri due (Tobia e Nina) ho un rapporto puro ed esplicito: mi piace quando stanno tutti e tre insieme».

Per quanto riguarda la canzone sanremese della band, Francesco ha spiegato che parla di eccessi, occasioni perse, momenti di sconforto e tutto ciò che nel tempo ti rende la persona che sei.