Quantcast

Gabriel Garko e il fidanzato Matia Emme pensano alla convivenza e a un figlio

Gabriel Garko e il fidanzato Matia Emme pensano alla convivenza e a un figlio. Il sex symbol del cinema e della tv italiana è innamorato del general manager, che vive a Milano e ha un account privato su Instagram. I fotografi del settimanale di cronaca rosa Chi, diretto da Alfonso Signorini, hanno paparazzato l’attore de Le Fate Ignoranti e Senso ’45 con il suo adorato compagno durante una giornata di shopping e passeggiata. Gabriel Garko ha dei progetti oltreoceano e a rivelarlo è stato il giornalista e autore televisivo Gabriele Parpiglia sul nuovo numero di Chi.

Gabriel Garko e Matia Emme fidanzati
Gabriel Garko e Matia Emme stanno insieme – Foto: Instagram Story

“Fotografati insieme mentre vanno a caccia di bicchieri e altri articoli per la casa – ha dichiarato Parpiglia -, i due progettano di andare a convivere. Per Gabriel e Matia il 2022 sarà un anno importante. […] In questa nuova fase della sua vita Gabriel Garko sta scegliendo con accuratezza le proposte di lavoro. Rifilando molti no e aspettando che si sblocchi un progetto negli Stati Uniti. Inoltre ha un film nel cassetto e vorrebbe debuttare come regista. Insomma possiamo dire che Gabriel è proprio rinato“.

Gabriel aveva parlato della sua nuova relazione nel salotto tv di Silvia Toffanin. A Verissimo il celebre attore aveva dichiarato: “Non sono single. Ho una storia da poco, ma è iniziata molto bene sia dal punto di vista caratteriale che intellettuale. Lui ha 36 anni, non c’entra nulla con la mia professione e non fa il modello come qualcuno ha scritto. Se è la persona giusta? Spero di sì, perché mi piace veramente tanto”. Nonostante ciò, riceve moltissimi messaggi d’approccio su Instagram.

Per poi aggiungere: “Entro quest’anno prenderò una decisione a riguardo e mi documenterò bene prima di farlo. Da single non posso adottare per la legge italiana e anche se dovessi trovare un eventuale compagno con cui formare una famiglia non posso farlo ugualmente. L’unica possibilità sarebbe la maternità surrogata, ma anche quello in Italia non si può fare”.

 “Il desiderio di diventare padre c’è. Mi piacerebbe tanto. Penso che sarei anche un bravo padre, ma avrei molta paura per la società attuale. Non so se mi piace questo mondo di oggi e non so se mi farebbe piacere mettere al mondo una vita che poi deve vivere in un futuro che non sappiamo come sarà”.

Convivenza e figlio in arrivo? Stay tuned per saperne di più!