Quantcast

Gianfranco Vissani e le donne: “Sono loro a provarci con me”

Gianfranco Vissani ha parlato del suo rapporto con le donne durante un’intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano. Il 66enne famoso cuoco, gastronomo, scrittore, ristoratore, critico gastronomico e conduttore televisivo italiano ha rivelato che sono le donne a provarci con lui.

Gianfranco Vissani – Foto: Facebook

L’autore di numerosi libri sulla cucina e di ricette ha spiegato: “Sono le donne a provarci, non devo stancarmi nella ricerca: arrivano, si presentano, a volte ammiccano in maniera esplicita, in altri casi fingono di Sono giovani. Per questo non rivelo la mia età (Torna un cameriere e propone un’ insalata con i germogli di soia). Ma sei pazzo? I germogli sono pessimi: è un prodotto chimico, fa malissimo. È bello essere Vissani. Mi piace tantissimo, mi sono costruito negli anni”.

Non ha voluto dire nulla sulla sua vita sentimentale: “Non voglio parlare di donne, è pericoloso. Però non prendo in giro, sono onesto e attacco solo quando lo ritengo giusto… L’altro giorno due ragazze hanno iniziato a baciarsi davanti a me. Mi guardavano, e ancora mi guardavano, con tanto di cenno di seguirle al bagno. Ero in compagnia”.

Poi si è tolto qualche sassolino dalla scarpa in merito alla mancata terza stella Michelin. “Inizia nel 1998 quando prendo la prima – ha spiegato Vissani -, ed erano già dieci anni che mi snobbavano, con altri addetti del settore a segnalare il mio nome; l’ anno dopo mi assegnano la seconda. Mai la terza. Oramai non ci credo neanche più, e in parte è a causa del mio caratteraccio: ho mandato a quel paese troppe persone, non sono gestibile. Non rinuncio al piacere, al brivido offerto dalla mia libertà, anche a costo di pagare qualche conseguenza: i vantaggi emotivi sono e resteranno superiori al bel credere altrui. Nel 1998 avevo già tutti i punteggi massimi in tutte le differenti guide, solo la Michelin si ostinava a tenermi sotto. Quella terza l’hanno data anche a chi se la merita meno di me, alcuni di questi li ho formati io. Gli ho insegnato le basi”.