Quantcast

Gianna Nannini e la voglia matta del live: “Il mio pubblico è così rock”

Gianna Nannini ha riscoperto la voglia matta del live. La famosa e amata rocker italiana ne ha parlato durante il suo tour (organizzato e prodotto da F&P Group, in collaborazione con David Zard e Saludo Italia) al PalaLottomatica di Roma. Erano anni che non sentiva più la voglia del live.

Gianna Nannini – Foto: Facebook

La famosa artista pansessuale toscana Gianna Nannini ha dichiarato dal palco del suo ultimo concerto: «Sono una donna rock e quando vedo che i servizi d’ordine fanno sedere la gente a forza me la prendo. Mai reprimere la voglia di ballare. È vero che in Italia c’è chi esagera, chi tira le sedie; reagiscono rock e subiscono una repressione rock. Io il palco lo possiedo e la reazione fisica deve essere forte. In Italia ho subito un pregiudizio per tanto tempo. Non rientro nei canoni rassicuranti della donna tipica. Sarà perché sono Fenomenale».

La rockstar senese si è poi soffermata sulla sua vita privata e familiare: «Mi hanno rotto allo sfinimento con l’età. Era tardi per fare un figlio, dicevano tutti. Ma saranno tardi loro».

Ha poi fatto un paragone tra i suoi esordi e i debutti degli artisti delle nuove generazioni:  «È dal ’79 che dico sempre quello che penso. All’inizio facevo concerti rock ed ero sola. Non c’era che Oh, Sweet Mary di Janis Joplin. Sono entrata in un circuito europeo e allora è andata bene. Il mio pubblico però è forte, mi vuole così. A restare interdetti sono quelli che cercano un concerto autorale. E meno male che arrivano nuovi artisti che prima potevano agire solo nei centri sociali e oggi hanno YouTube per farsi conoscere. Li capisco – ha spiegato Gianna Nannini -, perché anch’io ho fatto una strada diversa, tanto estero e tanti sacrifici. Non Sanremo. Eppure, non avendo niente di inglese, sono amata dai musicisti di lì. Forse perchè ho un’ identità sonora unica capace di generare un progetto intorno. La mia espansione melodica è mediterranea».