Aaron Carter entra in rehab: “Solo io posso cambiare la mia vita”

Aaron Carter è entrato in rehab. Il fratello minore di Nick Carter dei Backstreet Boys vuole superare i suoi problemi con alcol e droga.

Dopo essersi sottoposto al test HIV in diretta tv, Carter avrebbe minacciato il suicidio con la polizia chiamata dai vicini di casa preoccupati dal crollo psico-fisico del rapper. Ha poi così scelto volontariamente di ricoverarsi in un centro di riabilitazione per affrontare e superare i suoi numerosi problemi.

Due mesi fa Aaron Carter fece coming out su Twitter: “Prima di tutto voglio dire che amo tutti i miei fan. C’è qualcosa che voglio dire, sento che è importante per me, per la mia identità, qualcosa che pesa su di me da metà della mia vita”. Il fratello gemello della modella Angel Carter aveva poi continuato: “Questo non mi fa vergognare, ma è un peso del quale vorrei alleggerirmi. Sono cresciuto nel mondo dello spettacolo da quando ero piccolo e quando avevo circa 13 anni ho iniziato a provare attrazione per i maschi e le femmine. Per anni pensavo a questa cosa e a 17 anni dopo qualche storia con delle ragazze ho avuto un’esperienza con un uomo per cui provavo qualcosa e con il quale lavoravo. La musica è il mio tempio, ma adesso voglio essere soddisfatto di chi sono e sentirmi libero”.

Ora tutti i suoi fan sperano che possa tornare al suo vecchio splendore dopo questo periodo difficile e problematico della sua vita. Forza Aaron!