Brigitta Boccoli pensa al terzo figlio: “Dovrei fare un’altra fecondazione assistita”

Brigitta Boccoli pensa al terzo figlio. L’attrice e showgirl ha spiegato in un’intervista rilasciata al settimanale Gente che dovrebbe fare un’altra fecondazione assistita. La moglie di Stefano Orfei Nones nonché mamma di Manfredi, 12 anni, e Brando, nato il 18 luglio dello scorso anno e avuto proprio grazie alla fecondazione assistita, ha spiegato: “Io la fissa di farne un altro ce l’ho. Penso che tre sia il numero perfetto, quello dell’equilibrio”.

Brigitta ha spiegato: “Poi però faccio i conti con la mia coscienza: ho 48 anni, per avere Brando ho seguito il percorso della fecondazione assistita, un cammino non semplice, talvolta doloroso. Sì, potrei tentare un’altra fecondazione, ma il tempo avanza e io non sono più una ragazzina, anche se il medico sostiene che biologicamente sia più giovane della mia età”.

Brigitta Boccoli vorrebbe una femminuccia: “Dopo due maschi mori e con gli occhi scuri, sogno una bimba bion- da con gli occhi azzurri come i miei. La chiamerei Margherita”. Ha parlato del terzo figlio anche con il marito: “Ogni tanto butto lì l’idea per vedere come reagisce, ma le mie domande cadono nel vuoto: non risponde. Al momento ci sono le preoccupazioni legate al circo, che per tutto questo lungo periodo è rimasto chiuso, e speriamo tanto di farlo ripartire in autunno. Ma penso che se io approfondissi di più l’argomento bebè forse avrei buone probabilità di trovare un riscontro positivo”.

L’attrice è in splendida forma fisica. A tal proposito ha affermato: “Per fortuna i muscoli hanno memoria e ricordano ancora di quando mi allenavo tantissimo in palestra, con la pesistica. Al momento vivo un po’ di rendita, ma devo ricominciare. Con le gravidanze ho preso parecchio peso: 16 chili con Manfredi e 20 con Brando. Avevo talmente tante nausee nei primi mesi che riuscivo a placarle solo con olive, patatine e noccioline…“.

Redazione-iGossip