Fedez censurato dal Ministero

Scocciature in vista per Fedez, che si è visto bollare il brand Pop-Hoolista dal ministero dello Sviluppo economico come ‘contrario all’ordine pubblico e al buoncostume’. La decisione ha interessato la copertina dell’omonimo album, che raffigura un poliziotto un po’ futuristico a cavallo e di fianco il rapper che vomita a terra un arcobaleno. Sicuramente si tratta di una copertina forte, ricca di significato, che è stata dichiarata decisamente ‘fuorilegge’ dal ministero italiano.

Fotolia_87797873_Subscription_Monthly_XXL

Fedez ha commentato l’accaduto sui social come è sua abitudine, spiegando i fatti e accompagnando il tutto con un video dove parla assieme al suo legale e spiega ai fan le cause della censura ricevuta. Lo Stato, secondo il rapper 26nne, ha bloccato la sua copertina e quindi il suo brand perché vi è raffigurato un poliziotto e perché lo stesso rapper sta vomitando, anche se si tratta di un arcobaleno.

Il dibattito sulla libertà di pensiero e di espressione si è sprecato fra i tanti follower di Fedez, ma dal ministero è prontamente arrivato il chiarimento, che indica che “I contenuti, ed in particolare l’immagine di un poliziotto che sembra picchiare un personaggio che sta vomitando, sono sembrati all’Ufficio italiano dei marchi e dei brevetti come non rispondenti alla normativa che regola la tutela dei brand”. Cavilli legali? Sembra proprio di sì, ma nel frattempo il disco è liberissimo di circolare, quindi Fedez non può considerarsi censurato al 100%…

ValeriaM

Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.