Marco Carta descrive la sua fobia: “Mi spaventa la morte”

Marco Carta ha descritto la sua fobia durante un’intervista rilasciata a Vanity Fair. Il vincitore del Festival di Sanremo e Amici di Maria De Filippi ha paura della morte.

Marco Carta nuovo album

“Non mi spaventa invecchiare ma mi spaventa la morte – ha detto il cantante sardo Marco Carta -, non esistere più, non lasciare una traccia di me in questo mondo. Mi spaventa non poter dire: Io ci sono ancora. Nel 2006, mio nonno ha avuto un brutto attacco la mattina presto. Ricordo che volevo portarlo a tutti i costi all’ospedale ma lui non ne voleva sapere. Gli ho detto una brutta parola che non dovevo dirgli e me ne sono andato a letto. Poche ore dopo – ha proseguito -, è morto. Mi sono sentito inadeguato e mi sono sempre pesate quelle parole dette da arrabbiato. Spero che mi abbia perdonato”.

Il cantante sardo, che è felicemente single, ha fatto mea culpa per quanto riguarda i primi anni della sua carriera: “All’inizio, mi pesavano molto le critiche. Soffrivo quando leggevo sui giornali dei titoli estrapolati male, delle frasi che non avevo mai detto. Negli anni la stampa mi ha letteralmente ucciso, anche se ammetto che non ero il massimo della simpatia”.

Oggi è più felice rispetto agli inizi della sua carriera: “La vita tranquilla di un ragazzo di 22 anni: lavoro, uscite, cene, discoteca. Una vita incanalata in un mestiere, perché lavoravo già da tempo con i miei. Avevo la testa sulle spalle. Una bella vita – ha continuato -, ero molto felice ma mi mancava qualcosa. Ora sono più felice. Avevo fatto per tanti anni il provino ad Amici e mi dava fastidio il non essere preso: pensavo di meritare un’occasione e alla fine il tempo mi ha dato ragione”.