Alessandro Haber licenziato dall’Otello

alessandro haber

Una notizia scottante. Alessandro Haber è stato licenziato dall’Otello, spettacolo teatrale in programmazione presso il Teatro di Verona. Il licenziamento, pare sia avvenuto, a causa di una furibonda lite con l’attrice Lucia Lavia.

Durante le scene dello spettacolo, infatti, pare che ci sia stato un bacio classificato “troppo aggressivo” da parte della giovane attrice. Secondo il copione, i due attori Alessandro Haber e Lucia Lavia, si sarebbero dovuti baciare in una determinata scena. E’ stato proprio questo l’evento che ha fatto scaturire la lite.

Secondo le parole dell’attrice, Alessandro Haber si è lasciato trasportare troppo e sarebbe andato oltre al classico bacio cinematografico. A sua difesa Haber, afferma che non era sua intenzione creare una confusione tale e sostiene di non aver avuto un comportamento al di fuori del contesto e non era sua intenzione baciare l’attrice con scopi che andavano oltre il rapporto professionale.

Le parole dell’attore : “ Come sempre stavo unicamente cercando di fornire un’interpretazione del mio personaggio, del tutto in linea con il mio ruolo di attore e di interprete. La mia era esclusivamente una interpretazione creativa non colta dall’attrice. Sono oggetto di una strumentalizzazione finalizzata a dare pubblicità alla giovane attrice. La compagnia si è piegata alle richieste della potente famiglia”. La lite si è subito spostata tramite gli avvocati, ma ciò nonostante l’attore tiene a precisare, tramite una dichiarazione al Corriere della Sera, che non era assolutamente sua intenzione creare un disguido : “Mi stanno facendo del male con una cattiveria che non riesco a capire. Perché poi sono persone che mi conoscono, lo sanno come sono fatto, come recito, sanno che è impossibile, che io sono fatto così, ma che non faccio male a una mosca, che sono un creativo, che sono esuberante, ma tutto dentro al lavoro, tutto sul palcoscenico. Di che cosa stiamo parlando? Ho dato un bacio, ma solo perché pensavo che in quel momento rendesse più forte la scena. Non l’ho fatto per far del male a una persona. Non ho mica ammazzato nessuno. E ho chiesto scusa. Poi lei si è sentita offesa e ha reagito male e io mi sono sentito offeso e ho reagito male. Ma era una cosa chiusa lì”.

WebWriter