Andrea Diprè radiato anche dall’albo dei giornalisti: “Meglio la droga che essere iscritti”

Andrea Diprè è stato radiato anche dall’albo dei giornalisti pubblicisti della Regione Trentino-Alto Adige. Non finiscono mai i guai per l’eccentrico, chiacchierato, popolare e discusso critico d’arte e fondatore del dipreismo. Come ben ricorderete non molto tempo fa il grande amico e socio in affari di Max Felicitas, Andrea Diprè, era stato cancellato dall’albo degli avvocati. Ora è stato radiato anche dai giornalisti poiché ha violato la Carta di Treviso, pensata per tutelare i diritti dei minori con un’intervista alla bambina “che canta e bestemmia”, per un’intervista rilasciata a Vanity Fair e per i contenuti pubblicati sul suo sito e sul suo canale Youtube.

Andrea Diprè - Foto: Facebook
Andrea Diprè – Foto: Facebook

Il controverso e popolare ex avvocato Andrea Diprè non è però affatto dispiaciuto. Anzi in un’intervista a Meltybuzz.it ha dichiarato: “Non me ne importa proprio nulla: risparmio i 100 euro che ero costretto a dare a questi insetti per l’iscrizione. Li userò per comprare un po’ di droga: meglio la droga che essere iscritti! Noto qui a Trento un certo accanimento nei miei confronti: prima la cancellazione dall’Albo degli Avvocati, oggi quella dell’Albo di Giornalisti. E’ una cosa gravissima – ha raccontato il critico e attore a luci rosse Andrea Diprè -, un accanimento di persone imbevute di Chiesa, vescovadi e tutte queste robe: provo disprezzo totale per loro”. Per poi concludere: “Non presenterò nessun appello, non perdo tempo per queste nullità e gente inutile e superfetativa”.

Questa decisione sta dividendo il popolo del web. I suoi fan dipreisti sono con lui, mentre, gli hater non vedono l’ora di vederlo in carcere… E voi cosa ne pensate di Andrea Diprè?

Redazione-iGossip