Aresgate, Dagospia sgancia la bomba: “Ecco chi è Lucifero”

Aresgate è il nuovo scandalo mediatico esploso nella Casa del Grande Fratello Vip 5 in seguito alle dichiarazioni sconvolgenti e inquietanti rilasciate dai due attori ed ex fidanzati vip Massimiliano Morra e Adua Del Vesco. Ares è il nome della società di produzione, che è ormai fallita, che per anni ha realizzato le famose e seguitissime fiction di Canale 5, dove recitavano proprio Adua Del Vesco e Massimiliano Morra.

Il polverone mediatico scatenato dalle dichiarazioni shock dei due attori rappresenta un vero e proprio terremoto per il patinato e lussuoso mondo dello show business italiano. A quanto pare tutti erano a conoscenza di questo “sistema”. Ne hanno parlato Donna Pamela su Instagram Story e la conduttrice tv Barbara d’Urso in tv a Pomeriggio 5.

LE DICHIARAZIONI SHOCK DI MASSIMILIANO MORRA E ADUA DEL VESCO SULLA SETTA

Dagospia sgancia la bomba

Il giornalista Giuseppe Candela di Dagospia ha raccontato di essere riuscito a risalire alla presunta identità del Lucifero citato dai due attori, ovvero il ‘male supremo’ che li avrebbe in qualche modo incastrati in quella che i quotidiani hanno chiamato ‘setta’. Dagospia ha ascoltato tre celebri attrici, Eva Grimaldi, Giuliana De Sio e Nancy Brilli, che per alcuni anni hanno fatto parte dell’Ares.

“Così, per dover di cronaca, non si registrano al momento commenti da Alberto Tarallo che l’attrice nella casa definisce indirettamente Lucifero – ha scritto Candela -. Nessuna denuncia, a quanto ci risulta. Dagospia ha provato a capire qualcosa in più su quel mondo, finito improvvisamente al centro della scena”.

Nancy Brilli ha dichiarato a Dagospia: “Non so cosa è accaduto al Grande Fratello. Non ho assolutamente rapporti con Alberto Tarallo. Sono stata eliminata da un giorno all’altro dalle produzioni, con loro ho realizzato solo successi. Improvvisamente ho capito che stava cambiando qualcosa, non abbiamo più lavorato insieme. Non era gente cui con avessi particolarmente passione a lavorare. C’erano persone che non mi piacevano, la gestione non era chiara. So che fino al giorno prima lavoravo e il giorno dopo non lavoravo più. La fiction era ‘Caterina e le sue figlie 2’, il direttore di rete mi chiamò e mi ringraziò dicendomi che avevo alzato gli ascolti. Mai più lavorato con loro”.

Giuliana De Sio ha spiegato: “Una volta sul lancio di una fiction mi hanno chiesto di fingere un flirt, ho rifiutato e mi sono messa a ridere. Si sono anche offesi, ma ho detto: ‘Questo no, non ce la posso fare’. Erano delle lucherinate, gli anni sessanta aleggiavano su di noi. Era tutto un modo di pensare a quel tipo comunicazione forse obsoleto. Con Tarallo e Losito non ci ho più lavorato. Diciamo che è stata una scelta reciproca, eravamo corpi molto estranei. Il mio organismo espressivo, la mia provenienza artistica non aveva niente a che fare con quel mondo lì. C’era una distanza di visione”. E poi ancora: “Al funerale di Losito non ci sono stata perché ero in tournée altrimenti ci sarei andata. Con lui avevo un buon rapporto, non un grande rapporto perché era molto silenzioso. Ci conoscevamo da anni, come conoscevo gli altri. Ci lavoravo ma non li frequentavo. Nella loro villa ci sono stata due volte per parlare di lavoro, avevo una relazione professionale diversa, molti personaggi sono stati inventati da Alberto. Io era nata molto prima”.

Il commento di Alfonso Signorini

“Stiamo scoprendo un sistema. Sarà un caso mediatico clamoroso”, ha dichiarato il conduttore del GF Vip 2020 Alfonso Signorini. Il direttore del settimanale di cronaca rosa Chi ha poi aggiunto: “Ci sono delle cose che non si sanno. Stanotte hanno avuto un confronto molto veritiero, molto diretto, stanno praticamente scoprendo un sistema, un sistema collaudato, che porterà a degli sviluppi clamorosi. Io di più per adesso non mi sento di dire, però certamente da quello che ho sentito ieri sera si preannuncia un nuovo caso mediatico veramente importante e, lasciatemi dire, per tanti aspetti inquietante”.

Redazione-iGossip