Berlusconi si dimette: E’ la fine

Dopo l’approvazione della legge di stabilità, Silvio Berlusconi presenterà le dimissioni. Questo è l’accordo raggiunto, subito dopo l’incontro del premier con il Presidente Giorgio Napolitano. E’ davvero la fine. Giornata intensa oggi alla camera. Subito dopo la votazione del rendiconto generale dello stato, emerge un dato importante: votano solo 308 deputati, mancano 321 all’appello. Non c’è maggioranza.

Berlusconi, in collegamento telefonico al Tg5, dichiara che non c’è una chiara maggioranza e che quindi subito dopo l’approvazione della legge di stabilità, presenterà le sue dimissioni.Ecco cosa ha dichiarato al Tg5: ” Siamo in una contingenza per quanto riguarda i mercati, l’Europa ci ha chiesto delle misure che dovrebbero sostenere la nostra economia e le ha chieste con grande insistenza. Queste misure noi dobbiamo approvarle, il parlamento oggi ha dimostrato che non c’è una chiarissima maggioranza da parte nostra; Io ritengo che sia prioritario l’approvazione di queste misure e quindi mi sono recato dal Presidente della Repubblica, dopo il voto di oggi, ed ho esposto questa mia visione, chiedendo di consentire l’approvazione di queste misure, e dopo il varo di questa legge, presenterò le dimissioni, cosi il capo dello stato aprirà le consultazioni. Non spetta a me decidere che fare in futuro, ma vedo solo la probabilità di nuove elezioni. La defezione di 7 membri della maggioranza si sono concretizzate oggi, e quindi non c’è la maggioranza che credevamo di avere e con realismo dobbiamo prendere atto di questa situazione.L’importante è fare il bene del paese.

Berlusconi quindi presenterà le dimissioni, ma non passa inosservato il “famigerato biglietto” in cui il premier annota il da farsi, subito dopo la votazione e scrive anche “traditori”. Berlusconi  tradito dai suoi fedeli. 

WebWriter